Islam / Italia / Migranti

I CLANDESTINI LASCIANO LA QUARANTENA QUANDO VOGLIO E SFOTTONO POLIZIOTTI: ‘VAFF…. TANTO NON POTETE FARCI NULLA’

I CLANDESTINI LASCIANO LA QUARANTENA QUANDO VOGLIO E SFOTTONO POLIZIOTTI: ‘VAFF….  TANTO NON POTETE FARCI NULLA’

La quarantena del governo non funziona con i migranti: tutti i clandestini fuggono. E sanno di poterlo fare.
Approdano a Lampedusa e vengono poi traghettati in Sicilia da navi di linea. Poi vengono smistati dal Viminale lungo la penisola e fuggono diffondendo il contagio.

I poliziotti hanno le mani legate: i migranti in quarantena sono liberi di fuggire. Se reagiscono vengono indagati, come avvenuto ad esempio ad Agrigento, su mandato di Patronaggio per un paio di schiaffi ai clandestini.

Agli agenti è vietato portare l’arma pronta all’uso (pistola e caricatore devono essere tenuti separati), figuriamoci usarla. Ma soprattutto nel caso vedano scappare un clandestino possono solo “invitarlo” a rientrare. Senza usare metodi coercitivi. Sennò è tortura.

“I migranti, anche se positivi al coronavirus – raccontavano i poliziotti – non sono tecnicamente reclusi. Ogni uso della forza da parte nostra per tenerli dentro sarebbe illegittimo. L’ordine che ci arriva è quindi solo quello di invitarli a stare all’interno”. Molti di loro, però, se ne infischiano. “La loro risposta? Ci dicono: ‘Vaff…, non mi puoi fare nulla. Io vado dove caz.. voglio’. Questo perché i centri di accoglienza non sono centri di espulsione e rimpatrio”.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento