World News

I migranti e i richiedenti asilo detenuti nei centri di detenzione in Grecia e in Serbia sottoposti a blocco di prevenzione del coronavirus.

I migranti e i richiedenti asilo detenuti nei centri di detenzione in Grecia e in Serbia sottoposti a blocco di prevenzione del coronavirus.

I migranti e i richiedenti asilo detenuti nei centri di detenzione in Grecia e in Serbia sottoposti a blocco di prevenzione del coronavirus.

La Grecia ha dichiarato che nessun visitatore, compresi i rappresentanti delle organizzazioni, sarà autorizzato nei loro centri di migrazione sulle isole greche per almeno due settimane. Fonte: sito di notizie Ekathimerini.

Inoltre, tutte le attività nei centri sono state cancellate e le loro strutture, comprese le scuole e le palestre, verranno chiuse. I residenti vengono “scoraggiati” dall’andare fuori dai centri e persino dal muoversi al loro interno più del necessario.

I nuovi arrivati sono tutti controllati per l’infezione da COVID-19 (coronavirus). Coloro che risultano positivi vengono messi in quarantena.

Medici Senza Frontiere, un’organizzazione benefica che sostiene i migranti, ha chiesto al governo di trasferire tutti i migranti nei campi sulla terraferma greca visto l’elevato rischio di diffusione del coronavirus all’interno dei centri a causa di strutture inadeguate.

Allo stesso modo i migranti in Serbia sono stati messi in stato di blocco a partire da lunedì, e sono autorizzati a lasciare i centri dove alloggiano con un permesso speciale.

Coloro che necessitano di cure mediche o che hanno altre emergenze dovranno ottenere un pass dal Commissariato serbo per i rifugiati e le migrazioni. Fonte: Balkan Insight.

Il sentimento anti-immigrazione è aumentato in Serbia nelle ultime settimane. A Belgrado sono state istituite pattuglie di cittadini che cercano di rintracciare i migranti per prevenire la criminalità.

La Serbia ha dichiarato l’emergenza nazionale in risposta all’epidemia di domenica, anche se al momento i cittadini serbi hanno ancora la libertà di movimento in tutto il paese.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento