Politica / World News

I migranti illegali sbarcano mentre la gente del posto si scontra per impedire i trasferimenti di migranti nei nuovi alloggi

I migranti illegali sbarcano mentre la gente del posto si scontra per impedire i trasferimenti di migranti nei nuovi alloggi

Circa 50 migranti illegali sono sbarcati con successo sull’isola greca mercoledì, in mezzo a rigide misure di blocco in vigore in tutto il paese.
Giorni prima, la gente del posto impediva agli autobus pieni di trasferire i migranti nei loro nuovi alloggi.

Secondo un rapporto del Times della città greca, quello di mercoledi, è il primo gruppo di migranti che riesce a raggiungere illegalmente le coste greche dal1aprile .

La barca, che trasportava africani e afghani, è approdata verso le 7 del mattino sul lato nord-occidentale dell’isola a Kalo Limani, lontano dai tipici luoghi di sbarco oisti sul lato orientale e nord-orientale dell’isola, Fonte: Analite.

A causa delle misure restrittive messe in atto dal governo greco per fermare la diffusione del coronavirus, i migranti saranno messi in quarantena per 14 giorni.

Giorni prima, un gruppo di 150 abitanti impediva agli autobus che trasportavano 57 migranti di raggiungere il loro nuovo alloggio in hotel nel comune di Panagitsa, nel nord della Grecia.
I manifestanti hanno scagliato pietre contro i veicoli, dato fuoco ai cartelli stradali e a una stanza al piano terra dell’hotel. Fonte: News 24/7 Greece.

Dopo non essere riusciti a trasportare i migranti all’hotel Panagitsa, le autorità hanno deciso di dirigersi verso un altro hotel di Arnissa.
Al loro arrivo in hotel, la polizia è stata accolta da 250 manifestanti che hanno appicato incendi e lanciato pietre.

Poiché la polizia si è rifiutata di impegnarsi in un conflitto aperto contro i manifestanti e ha ritenuto che la situazione fosse pericolosa, hanno scortato i migranti in un altro hotel a Chalkidona, Salonicco.

Mercoledì, durante un discorso tenuto a una commissione parlamentare sulla legislazione in materia di migrazione, il ministro della Migrazione e dell’asilo Notis Mitarakis ha affermato che, mentre la Grecia sostiene i diritti dei richiedenti asilo, rimane impegnata per la sicurezza dei propri cittadini.

“Il nostro paese rispetta il diritto internazionale e i diritti di coloro che chiedono asilo, che sono assolutamente rispettati, ma non ho sentito nulla sui diritti del paese e dei cittadini greci”, ha detto Mitarakis.

“Non ho sentito parlare dell’obbligo che lo Stato greco ha di proteggere i suoi confini e i suoi cittadini”, ha aggiunto.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento