Islam / Migranti / Politica / World News

I musulmani sembrano essere indifferenti alle regole del covid-19 e la polizia non li costringe

I musulmani sembrano essere indifferenti alle regole del covid-19 e la polizia non li costringe

Giovedì pomeriggio, circa 400 musulmani si sono radunati illegalmente presso la filiale islamica del cimitero di Vestre ad Aarhus per seppellire un’altra vittima della sparatoria islamica nella tomba.

Si tratta della morte di un uomo di 22 anni che è stato trovato morto in un’auto il 6 agosto 2020 in una zona del ghetto di Aarhus meridionale.

Si vociferava in anticipo che diverse centinaia di musulmani si sarebbero presentati, e la polizia si era quindi preparata per cercare di prevenire la diffusione del coronavirus.

Le nuove leggi del Folketing dovevano essere applicate. Ma si è conclusa con una dimostrazione di potere da parte dei molti musulmani e un’umiliazione da parte della polizia danese.

Nell’ultimo accordo raggiunto il 14 agosto tra le feste popolari sulla riapertura della Danimarca e le restrizioni covid, un tetto di 200 partecipanti è stato adottato ai funerali all’aperto e ai funerali.

Giovedì pomeriggio, i musulmani hanno ignorato la legge danese, e circa 400 uomini di sharia-fede si sono riuniti nel cimitero di Vestre.

La polizia dello Jutland orientale poteva solo guardare come i musulmani presenti seppellivano un’altra vittima di arma da fuoco dalla comunità di immigrati.

Solo poche settimane fa 500 musulmani si sono riuniti al cimitero di Vestre per seppellire l’assalitore e rapinatore somalo, Abukar Ali Hassan.

Le autorità sanitarie danesi hanno valutato al momento che la sepoltura dei somali criminali potrebbe aver contribuito all’inizio di una catena di contagio nella zona di Aarhus e Silkeborg.

Durante il rituale islamico di oggi, la polizia ha cercato di parlare con l’imam responsabile del funerale per avere i musulmani divisi in gruppi leggermente più piccoli.

Molti musulmani hanno ignorato le raccomandazioni e si sono avvicinati ancora di più. Soprattutto quando la bara con la vittima del colpo di pistola ha dovuto essere spostata nella tomba stessa, i musulmani hanno finito per camminare e stare molto vicini l’uno all’altro.

L’aspetto islamico di oggi in Aarhus dimostra che l’ambiente musulmano in Danimarca crede di essere al di sopra della legge danese.

Pochi giorni fa, i politici hanno fissato un limite di 200 persone per i funerali all’aperto, che hanno ignorato. La legge della Sharia è al di sopra della legge danese.

Non è noto se la polizia dello Jutland orientale ha emesso multe ai musulmani riuniti illegalmente.

Gli ultimi dati a livello nazionale mostrano che ben il 62 per cento delle persone contagiate nell’ultima settimana sono immigrati, principalmente da paesi come la Somalia, la Turchia e il Libano.

La crisi corona si è trasformata in una crisi dei migranti

Perché è così difficile per la polizia assegnare multe per tali chiare violazioni delle regole corona ?

La polizia non ha avuto problemi a dare multe ai cittadini che sedevano sulle panchine ma sembrano soffrire di ansia totale – quando sono i musulmani che cagano le regole 🙁

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento