Islam

I salafiti egiziani sono in tumulto per il disegno di legge che limita la poligamia e i matrimoni minorenni

I salafiti egiziani sono in tumulto per il disegno di legge che limita la poligamia e i matrimoni minorenni

I gruppi per i diritti delle donne si sono mobilitati a sostegno del disegno di legge.

CAIRO – I salafiti ultraortodossi dell’Egitto si stanno ribellando a un disegno di legge proposto dal governo per frenare la poligamia impegnando i mariti musulmani che desiderano prendere una seconda moglie ad ottenere l’approvazione scritta dalle loro prime mogli.

Se approvata, la misura sostituirebbe una legge che regola i contratti matrimoniali dal 1955.I salafiti affermano che la proposta supera la religione islamica, che dà agli uomini il diritto di avere quattro mogli contemporaneamente.

“Non è possibile eliminare una licenza che Dio ha concesso agli uomini con la legge creata dall’uomo”, ha detto l’attivista salafita Sameh Abdel Hamid.

“Le leggi vanno bene fintanto che non violano le regole religiose”.

L’Egitto è tra i paesi arabi che consentono agli uomini musulmani di sposare più di una donna.

Alcuni paesi, compresi quelli del Nord Africa, hanno introdotto restrizioni alla poligamia. La Tunisia l’ha vietata nel 1957.

Non esiste una stima attendibile del numero di uomini con più di una moglie in Egitto.Si dice che le leggi egiziane siano basate sulla sharia, il che significa che devono conformarsi alla legge islamica.

Tuttavia, l’Islam limita la poligamia rendendo necessario per gli uomini che hanno più di una moglie trattare ogni moglie in modo equo e su un piano di parità. Il Corano afferma, tuttavia, che tale parità di trattamento non è possibile.

Le autorità hanno proposto il disegno di legge per, tra le altre cose, limitare la poligamia e ridurre i disturbi sociali correlati.

La commissione parlamentare per gli affari costituzionali e legislativi ha discusso la misura e l’ha sottoposta ad al-Azhar, la massima autorità religiosa egiziana, per la revisione.

Il disegno di legge, secondo alcuni legislatori, è importante perché affronta questioni sociali che sono state trascurate.
“Penso che ci sia più apertura nella società per limitare la poligamia”, ha dichiarato il deputato Samir Rashad, membro del comitato.

“L’Islam dà agli uomini il diritto di sposare più di una moglie, ma questo diritto è tutt’altro che libero. Credo anche che i cambiamenti in atto nella nostra società richiedano un ripensamento del modo in cui questo diritto viene praticato.

“I salafiti, che accusano coloro che propagano le nuove regole di trascurare la licenza che l’Islam ha dato agli uomini, sono fortemente contrari al disegno di legge.

“Se approvato in legge, questo disegno farà crollare l’intera società”, ha detto Abdel Hamid.

La legislazione proposta introdurrà nuovi termini nei contratti di matrimonio, imponendo ai mariti di ottenere l’approvazione scritta dalla loro prima moglie per poter contrarre un secondo matrimonio.

Tuttavia, è improbabile che molte donne siano disposte a firmare una dichiarazione che consenta ai loro mariti di sposare altre donne.

I funzionari incaricati della registrazione del matrimonio non sarebbero in grado di registrare il matrimonio in assenza di tali dichiarazioni o sarebbero soggetti a sanzioni, inclusa la sospensione.

Oltre a cercare di frenare la poligamia, il disegno di legge cerca di sradicare il matrimonio di ragazze minorenni, che è diffuso in alcune parti dell’Egitto, spesso guidato dal desiderio di genitori poveri di ottenere denaro in cambio del matrimonio delle loro figlie.

La nuova legge darebbe alle donne il diritto di divorziare senza l’approvazione del marito e senza chiedere il divorzio presso i tribunali della famiglia egiziana.

In base alle normative vigenti, le donne in cerca di separazione presentano una denuncia presso i tribunali familiari, che a volte possono richiedere anni per raggiungere un accordo.

I salafiti si oppongono al diritto delle donne al divorzio, che descrivono come “un insulto agli uomini”, avvertendo che aumenterebbe il già alto tasso di divorzi in Egitto.

Nel 2018, i divorzi sono aumentati del 6,7% a 211.554 rispetto al 2017, ha dichiarato l’Agenzia centrale per la mobilitazione pubblica e le statistiche.

I gruppi per i diritti delle donne si sono mobilitati a sostegno del disegno di legge, accusando gli islamisti di incoraggiare pratiche poligame.

“Sono alla base dell’aumento di queste pratiche”, ha affermato la sostenitrice dei diritti delle donne Azza Kamel. “Mi dispiace dirlo, queste pratiche sono umilianti per le donne e portano alla perdita dei loro diritti.”

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento