Islam

Il Coronavirus “è uno dei soldati dell’Onnipotente Allah … [contro] coloro che attaccano i Suoi credenti”, afferma il predicatore su PA TV

Il Coronavirus “è uno dei soldati dell’Onnipotente Allah … [contro] coloro che attaccano i Suoi credenti”, afferma il predicatore su PA TV

Predicatore non identificato: “Il vero significato delle epidemie è una prova da parte di Allah Onnipotente è una punizione.

Una prova per i credenti e una punizione per i peccatori … Se si sono mantenuti saldi e ripongono la loro fiducia in Allah, allora riceveranno un enorme ricompensa, e chiunque muore nell’epidemia merita la ricompensa del martirio … Se l’epidemia danneggia i non credenti, tra gli aggressori e gli aggressori, allora questa è una punizione …

Questo virus [Corona] è uno dei soldati dell’Onnipotente Allah, e lo sta scatenando su coloro che attaccano i Suoi credenti … La Sunna (cioè la tradizione islamica) ha indicato che atti di abominio e corruzione causano epidemie … Ibn Abbas ha dichiarato: “La corruzione non è mai apparsa tra nessun popolo senza che la morte di massa li raggiungesse”.

 

  • “Il vero significato delle epidemie è un … processo per i credenti e una punizione per i peccatori”
  • “Se [i credenti] … ripongono la loro fiducia in Allah, allora riceveranno un’enorme ricompensa, e chiunque muore nell’epidemia [tra i credenti] merita la ricompensa del martirio”
  • “La corruzione non è mai apparsa in nessun popolo senza che la morte di massa li raggiungesse”

Il Ministero degli affari religiosi dell’AP è responsabile della nomina degli imam nelle moschee dell’AP
Prima che il Coronavirus scoppiasse nell’Autorità Palestinese, un predicatore sulla PA-TV ufficiale ha dichiarato che il virus è “uno dei soldati dell’Onnipotente Allah” e che Allah sta punendo i peccatori – “quelli che attaccano i Suoi credenti”:
Predicatore non identificato:

“Il vero significato delle epidemie è una prova da parte di Allah Onnipotente è una punizione. Una prova per i credenti e una punizione per i peccatori … Se si sono mantenuti saldi e ripongono la loro fiducia in Allah, allora riceveranno un enorme ricompensa, e chiunque muore nell’epidemia merita la ricompensa del martirio … Se l’epidemia danneggia i non credenti, tra gli aggressori e gli aggressori, allora questa è una punizione … Questo virus [Corona] è uno dei soldati di Onnipotente Allah, e lo sta scatenando su coloro che attaccano i Suoi credenti … ”
[TV ufficiale dell’AP, 28 febbraio 2020]

Il predicatore non identificato ha inoltre spiegato che le epidemie sono “una prova per i credenti e una punizione per i peccatori”. Per sottolineare questa visione religiosa – che le epidemie sono una punizione – il predicatore ha citato il profeta islamico Maometto e suo zio Ibn Abbas, che hanno entrambi spiegato che le piaghe sono la punizione per le persone in luoghi in cui si verificano “abominio” e “corruzione”:

Predicatore: “La Sunna (cioè la tradizione islamica) ha indicato che atti di abominio e corruzione causano epidemie. Il profeta [Maometto] ha dichiarato:” Un abominio non è apparso in un popolo … senza pestilenza e sofferenza che scoppiano … “E Ibn Abbas ( uno zio del profeta islamico Maometto e uno dei primi studiosi del Corano – Ed.) ha dichiarato: “La corruzione non è mai apparsa tra nessun popolo senza la morte di massa che li ha raggiunti”. “

Tuttavia, poiché anche i credenti musulmani stanno morendo da Coronavirus, il predicatore ha aggiunto che i credenti che muoiono a causa dell’epidemia vengono messi alla prova e “se si sono mantenuti saldi e si sono fidati di Allah, allora riceveranno un’enorme ricompensa e chiunque muoia per l’epidemia merita la ricompensa del martirio “.
Il messaggio del predicatore dell’AP è che, a causa della corruzione e dell’abominio nel mondo, i “soldati di Allah” – in questo caso il virus Corona – portano punizione all’umanità.Sebbene questo predicatore non sia stato identificato, il suo sermone è stato trasmesso dalla TV ufficiale dell’AP e il Ministero degli affari religiosi dell’AP ha appena annunciato ancora una volta che è responsabile della nomina degli Imam nelle moschee:

“[PA] Vice Ministro degli Affari Religiosi Husam Abu Al-Rub … ha affermato che il ministero si assicura di sostenere le moschee e nominare imam e predicatori abili e capaci in modo che si assumano la responsabilità di gestire le moschee, organizzandole sorvegliandoli, guidando i fedeli e dando il sermone del venerdì “.[Quotidiano ufficiale PA Al-Hayat Al-Jadida, 29 febbraio 2020]

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento