Islam / Italia / Migranti

Il famoso conduttore radiofonico sbatte la sinistra: non sono “omicidi d’onore” – È l’Islam (Video)

Il famoso conduttore radiofonico sbatte la sinistra: non sono “omicidi d’onore” – È l’Islam (Video)

Gli omicidi d’onore sono il prodotto di una società sciovinista maschile che trova la sua giustificazione nella tradizione coranica e islamica.

Durante un acceso dibattito su un talk show politico italiano, il conduttore radiofonico Giuseppe Cruciani ha scioccato la musulmana Elena Hayan Murgia quando ha condannato il trattamento riservato dall’Islam alle donne. Cruciani ha criticato l’ipocrita sinistra per essersi rifiutata di riconoscere la violenza sanzionata dall’Islam contro le donne. Inoltre, ha fatto riferimento alla riluttanza della sinistra a identificare gli omicidi “d’onore” come crimini musulmani autorizzati dalla loro religione.

Cruciani fa specifico riferimento alla recente uccisione della 18enne Saman Abbas, musulmana pakistana residente in Italia, uccisa dai genitori e dalla famiglia allargata dopo aver rifiutato un matrimonio combinato con il cugino in Pakistan. Il giornalista ha anche discusso dell’uccisione nel 2006 di Sanaa Dafani, una ragazza pakistana che viveva in Italia il cui padre l’ha uccisa per “comportarsi come una cristiana, e non come una musulmana”. A quanto pare, il padre l’ha massacrata perché voleva vivere come un occidentale e viveva con un uomo non musulmano. La famiglia aveva anche fatto in modo che la loro figlia fosse costretta a un matrimonio in Pakistan con un uomo che non aveva mai incontrato.

Saman Abbas

Sanaa Dafani

Le offensive della ragazza contro l’Islam variavano dal rifiutare un matrimonio combinato alla relazione con un fidanzato non approvato dalla loro famiglia. Inoltre, entrambe le famiglie islamiche erano infuriate per il fatto che le ragazze vivevano stili di vita eccessivamente occidentali.

Il giornalista condanna la sinistra e i suoi politici, l’ex presidente del Consiglio italiano Enrico Letta e la deputata Pina Picierno, per essersi rifiutati persino di menzionare la “parola” Islam quando si è parlato dell’uccisione di Saman Abbas e Sanaa Dafani.

Invece di discutere che le famiglie della ragazza li hanno uccisi quando hanno sfidato l’autorità islamica, usano parole sicure come “femminicidio” per parlare del problema, spiega Cruciani.

Gli omicidi d’onore sono il prodotto di una società sciovinista maschile che trova la sua giustificazione nella tradizione coranica e islamica. La famiglia di Saman l’ha uccisa quando ha sfidato l’autorità islamica maschile. Come sottolinea il giornalista, “in nessun’altra religione oltre all’Islam le donne sono trattate in questo modo”.

Perché la sinistra non condanna l’Islam

Cruciani si chiede “perché la sinistra Italiana abbia tanta paura di citare la parola ‘Islam’ Tuttavia, non sorprende che molti politici di sinistra siano preoccupati per le conseguenze di far arrabbiare i musulmani. Come abbiamo visto più volte in tutto il mondo islamico e ora nel mondo occidentale, criticare l’Islam significa minacce di morte o tentativi reali sulla vita. Abbiamo visto vignettisti, comici,insegnanti, predicatori, bambini e chiunque sfida pubblicamente l’Islam mentre insiste nell’essere rappresentato, essere preso di mira in tutto il mondo.

D’altro canto, molti politici e gruppi di sinistra non condanneranno l’Islam a causa delle loro pericolose e storiche alleanze strategiche note come Asse Rosso/Verde:

Comunisti e suprematisti islamici hanno una lunga storia di unità per distruggere il loro nemico comune: coloro che credono nella sovranità e nella libertà individuale. Per raggiungere i propri obiettivi, si usano l’un l’altro fino al raggiungimento dei loro obiettivi, e solo in quel momento “si voltano l’uno contro l’altro e, alla fine, combattono per distruggere l’altro.

Segmento del dibattito di Giuseppe Cruciani nella trasmissione televisiva italiana Dritto e rovescio:

Il trattamento riservato dalla famiglia di Saman e Dafani alle loro ragazze è una conseguenza della loro fede islamica e dall’esempio del Profeta. Non c’è nulla di insolito o deviante nel modo in cui sono stati trattati in termini islamici. Invece di condannare il punto di vista dell’Islam sulle donne, la sinistra insisterà affinché questi omicidi siano isolati e protegge la loro ricostruzione socialista e igienizzata dell’Islam, creata per il consumo occidentale. Il costo della copertura per l’Islam continua a danneggiare gravemente le donne musulmane e tutte le donne.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento