Islam / World News

Il jihadista di Lione dice che Allah gli ha ordinato di uccidere, ma le autorità escludono il terrorismo e dicono che è psicotico

Il jihadista di Lione dice che Allah gli ha ordinato di uccidere, ma le autorità escludono il terrorismo e dicono che è psicotico

Attacco a Villeurbanne: ‘il sospetto dice di aver sentito voci che insultavano Dio e gli ordinava di uccidere‘”, tradotto da “Attaque à Villeurbanne:” Il sospetto è avvenuto in mezzo al tuo insulto Dieu et lui donnant theordre de tuer, “” Le Progrès, 1 settembre 2019:

Nicolas Jacquet, un pubblico ministero, ha tenuto una conferenza stampa presso il tribunale distrettuale di Lione domenica alle 15:00 per riesaminare le indagini sull’omicidio e il tentativo di assassinio …

Non c’è nulla che mostri alcuna radicalizzazione della persona interessata.” Il suo telefono è in fase di analisi.

Il sospettato non ha precedenti criminali o psichiatrici.

Vive in diversi paesi europei dal 2014. È tornato in Francia nel giugno 2016.

Possiede un permesso di soggiorno temporaneo con una domanda di rinnovo valida fino al 31 gennaio 2020.

Stato psicotico invadente con delusioni paranoiche

Dice che è musulmano e ha sentito voci che insultano Dio e gli ordinano di uccidere“.

Ha un alto consumo di stupefacenti, confermato da un’analisi tossicologica.

È stato oggetto di una prima valutazione psichiatrica questa domenica mattina al momento della custodia. L’esperto ha affermato che è in uno stato psicotico paranoico con delusioni paranoiche con molteplici temi tra cui quello del misticismo e della religione …

Gli investigatori stanno cercando di far luce sui motivi che hanno spinto un afgano di 33 anni a diffondere il terrore sabato alla stazione della metropolitana di Laurent-Bonnevay, uccidendo una persona e ferendone altre otto.

L’ipotesi terroristica non è favorita in questa fase, l’Ufficio nazionale antiterrorismo (PNAT) non ha preso il controllo del caso, ma sta seguendo da vicino la situazione, afferma il procuratore di Lione….

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento