Islam / Migranti

Il numero di migranti illegali al confine con la Romania è più che raddoppiato nei primi dieci mesi dell’anno

Il numero di migranti illegali al confine con la Romania è più che raddoppiato nei primi dieci mesi dell’anno

Nei primi dieci mesi dell’anno, 2,3 volte più migranti illegali sono stati arrestati dalle guardie di frontiera della contea di Arad al confine rumeno-ungherese rispetto ai primi dieci mesi dell’anno scorso.

La maggior parte dei migranti proveniva da uno dei paesi asiatici e hanno cercato di raggiungere l’Ungheria nascosti in un camion o minibus, ha detto la polizia di frontiera della contea di Arad.

Le autorità hanno detto all’agenzia di stampa rumena Agerpres lunedì che tra il 1 gennaio e la fine di ottobre, 759 trasgressori di frontiera erano stati arrestati mentre cercavano di raggiungere l’Ungheria e poi l’Europa occidentale.

Solo due di loro sono cittadini dell’Unione europea, il resto proviene da paesi terzi, nella maggior parte dei casi provengono da paesi asiatici. Il novanta per cento di loro ha cercato di attraversare il confine nascondendosi in un camion, mentre il restante dieci per cento si è avvicinato alla frontiera a piedi o ha cercato di eludere i controlli alle frontiere presentando documenti falsi.

Filip Ionuţ Matei, un portavoce della polizia di frontiera della contea di Arad, ha detto che mentre nel 2019 solo 325 trasgressori di frontiera sono stati arrestati nella contea, tale numero è aumentatoo a 759 quest’anno. La maggior parte dei clandestini arrestati proveniva da Siria, Turchia, Afghanistan, Iraq, Vietnam e India.

Nell’ultimo caso del genere,la polizia della contea di Tolna, in Ungheria, nelle prime ore di martedì, ha fermato un piccolo furgone con targa tedesca guidato da un cittadino turco e ha trovato 38 migranti illegali nell’area di carico, tutti dichiarati siriani, ma non hanno potuto dimostrare la loro identità né fornire una spiegazione per la loro presenza in Ungheria.

I migranti sono stati scortati al loro punto di ingresso mentre l’autista dovrà affrontare un procedimento penale.

Didascalia: Nagylak, il punto di attraversamento più trafficato del confine tra Ungheria e Romania.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento