Islam / Migranti / Politica / World News

Il nuovo ministro dell’istruzione polacco rifiuta gli specialisti dell’educazione sessuale nelle scuole, avverte di avere strumenti legali per combattere la rivoluzione LGBT contro i valori tradizionali

Il nuovo ministro dell’istruzione polacco rifiuta gli specialisti dell’educazione sessuale nelle scuole, avverte di avere strumenti legali per combattere la rivoluzione LGBT contro i valori tradizionali

Il professor Przemys-aw Czarnek, che assumerà la guida del ministero dell’istruzione questa settimana, dice che difenderà i valori tradizionali e familiari, ma nega di avere pregiudizi nei confronti delle persone LGBT

Czarnek ha espresso molto volte la sua opposizione all’ideologia LGBT. Nella sua intervista con l’agenzia di stampa Onet.pl, nega di aver intenzione di lanciare una crociata contro le persone LGBT nell’istruzione.

Allo stesso tempo, avverte di avere gli strumenti giuridici in mano per garantire che nessuno possa tentare di lanciare una rivoluzione nelle scuole contro i valori tradizionali e familiari.

Il nuovo ministro ha detto che non è il governo Diritto e Giustizia (PiS) che sta conducendo un’offensiva ideologica, ma sono invece gli attivisti LGBT che hanno deriso simboli e pratiche religiose e persino interrotto una marcia per onorare la rivolta di Varsavia. Czarnek ha detto che avrebbe dedicato le sue energie per fermare questo tipo di ideologia.

Czarnek non ha simpatia per coloro che hanno scarabocchiato i nomi dei bambini delle scuole LGBT che presumibilmente si sono suicidati a causa di molestie per la loro identità sessuale sui muri del ministero dell’istruzione.

Il nuovo ministro dell’istruzione, Przemys-aw Czarnek, sperava che i “vandali” che hanno deturpato l’edificio del ministero con slogan e nomi LGBT saranno trovati e puniti

Egli considerava tali azioni come “vandalismo” e ricorda agli autori che l’edificio che hanno contaminato ha assistito alla morte e alla tortura durante l’occupazione tedesca.

Il professor Czarnek ha sottolineato che in Polonia l’educazione sessuale non è solo un argomento, ma fa parte dell'”educazione alla vita familiare”. Ha detto che solo gli insegnanti hanno il diritto di insegnare nelle scuole ciò che è in linea con il curriculum scolastico e non c’era spazio per esperimenti di “educatori sessuali”.

Czarnek ha detto che non c’è bisogno che insegnanti o genitori temano le sue opinioni conservatrici. Non è un’agenda rivoluzionaria, ma dice che non “nasconderà le sue opinioni nell’armadio”.

“Un politico è in carica per far contano le sue opinioni”, dice il nuovo ministro polacco dell’istruzione.

Czarnek ha negato che avrebbe capovolto il programma scolastico, ma ha ammesso di voler vedere più enfasi sull’accentuare i lati positivi sulla storia e le tradizioni della Polonia per sbarazzarsi dell’eredità della vergogna per le sconfitte della Polonia.

Ha negato che sarebbe stato contro i testi di autori che erano stati gay.

“La sessualità dell’uomo è qualcosa di intimo e privato. Non mi interessa l’orientamento sessuale di nessun autore”, ha detto. Ha aggiunto che in generale ha trovato sia persone eterosessuali che gay che mostrano la loro sessualità come qualcosa di indicativo di una scarsa educazione.

Secondo un sondaggio dell’anno scorso, la maggior parte dei polacchi ritiene che i genitori debbano essere la principale fonte di educazione sessuale per i bambini. Il paese è noto anche per i suoi valori conservatori quando si tratta di questioni relative alla sessualità, con la stragrande maggioranza dei polacchi che dicono di essere contro il matrimonio tra persone dello stesso sesso , le coppie LGBT che adottano figli e le leggi sull’aborto più indulgenti.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento