Islam / Migranti / World News

Il nuovo partito arabo svedese intende assumersi la responsabilità del “suo popolo”

Il nuovo partito arabo svedese intende assumersi la responsabilità del “suo popolo”

Il nuovo partito arabo svedese si considera un paladino degli arabi e dei loro diritti, con il compito di promuovere l’integrazione e l’unità, ma ha sottolineato che non intende “arabizzare” la nuova patria.

Un nuovo partito che si rivolge specificamente alla crescente popolazione araba del paese è stato fondato in Svezia.

Il partito arabo vede il suo compito come “rappresentare tutti gli arabi svedesi e di assumersi la responsabilità per il suo popolo”, ha sottolineato che non intende “Arabise” la Svezia.

“Il nome del partito stesso non deve essere confuso con l’idea che il partito sta per valori arabi o cerca di Arabise Svezia”, ha detto il partito sul suo sito web, sottolineando il suo obiettivo di facilitare l’integrazione e promuovere l’unità.

Invece, il suo scopo è quello di “affrontare in modo responsabile i problemi che molte persone stanno vivendo oggi – esclusione, ansia per il futuro, divisione e mancanza di senso di comunità”.

Il partito sostiene di avere un “orientamento socialista con alcuni elementi capitalisti” ed è religiosamente indipendente, il che significa che i simboli religiosi o l’abbigliamento sono vietati per i suoi rappresentanti. Il partito promette di presentare un piano politico di fatto più dettagliato in settembre.

Secondo la pagina del partito arabo, un prerequisito per diventare un membro è quello di essere di origine araba, che è definito come “avere un background arabo poche generazioni indietro con almeno un genitore”. Inoltre, i candidati devono avere un’istruzione universitaria o universitaria svedese e non avere precedenti penali per almeno 5 anni.

Tuttavia, secondo l’outlet Samh’llsnytt, la persona di contatto del partito, un uomo di 33 anni con sede a Malmè, è stato condannato nel 2017 per minacce illegali e molestie.

Non è la prima volta che la crescente popolazione di immigrati illegali della Svezia, storicamente attratta da partiti di sinistra come i socialdemocratici al potere e i loro alleati i Verdi, si impegna in un proprio impegno politico. L’anno scorso, un partito filo-islamico chiamato Nuance è stato fondato per garantire gli interessi dei musulmani.

A causa dell’immigrazione di massa degli ultimi decenni e di un tasso di fertilità generalmente più elevato tra i nuovi arrivati, la quota di residenti svedesi con un background straniero è salita a circa un quarto della popolazione.

Poiché la profilazione razziale è considerata non etica in Svezia, non ci sono stime esatte della popolazione araba del paese.

Tuttavia, esaminando le lingue come proxy, c’erano 155.000 persone che parlano arabo in Svezia all’inizio del 2010. Da allora, tuttavia, il loro numero è cresciuto,da quando la Svezia ha accolto 163.000 richiedenti asilo per lo più dal Medio Oriente e Nord Africa durante la crisi dei migranti del 2015. Da allora, la linga araba ha superato la lingua finlandese come la lingua madre più parlata in Svezia.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento