Politica / World News

Il Regno Unito si rifiuta di prendere migranti dalla Grecia

Il Regno Unito si rifiuta di prendere migranti dalla Grecia

Il Ministero degli Interni del Regno Unito ha dichiarato che non accetterà bambini provenienti dai campi di migranti delle isole greche.

Numerosi gruppi pro-migranti, come l’organizzazione internazionale Medici senza frontiere, hanno chiesto al Regno Unito nelle ultime settimane di accogliere i “bambini migranti non accompagnati” provenienti dalla Grecia a causa del timore che i campi siano particolarmente a rischio di diffusione del coronavirus (COVID-19) .

Ma il 31 marzo il Governo degli Interni ha risposto che il Regno Unito continuerà a sostenere l’attuale accordo tra la Turchia e l’Unione europea, messo in atto per tenere i migranti fuori dal blocco. Fonte: The Guardian.

Vicki Hawkins, che è direttore esecutivo del ramo britannico di Medici senza frontiere, ha detto al Guardian che la decisione è stata “vergognosa” e che “il governo del Regno Unito deve smettere di sacrificare i diritti fondamentali dei rifugiati per il bene della sua agenda di migrazione”.

I centri di accoglienza sulle isole greche, che ospitano i migranti che per lo più hanno attraversato il confine della Grecia con la Turchia, ospitano attualmente circa 42.000 migranti.
Poiché le condizioni nei campi rendono impossibile per i migranti osservare le linee guida di allontanamento sociale raccomandate, la commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni del Parlamento europeo ha chiesto che i migranti siano evacuati dalle isole per fare spazio prima che il coronavirus li raggiunga.

Non ci sono stati casi confermati del coronavirus (COVID-19) nei campi greci.

Safe Passage, un ente di beneficenza, ha inviato all’Home Office un elenco di migranti che sono già stati accettati da famiglie del Regno Unito, ma a cui è stato impedito di viaggiare a causa delle restrizioni coronavirus.

Anche se l’Home Office si è rifiutato di prendere i bambini, un portavoce ha detto al Guardian che stanno continuando a elaborare le richieste di asilo.
Hanno inoltre osservato che le attuali restrizioni di viaggio imposte in tutta Europa rendono difficile l’accoglienza di migranti provenienti da altri paesi.

Belgio, Bulgaria, Finlandia, Francia, Germania e Lussemburgo hanno accettato di accogliere 2.000 bambini dalle isole greche.

La Croazia ha recentemente segnalato che accetterebbe i “bambini migranti non accompagnati” dai campi in Bosnia Erzegovina.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento