Politica / World News

Il tribunale turco condanna il leader anti-Erdogan a nove anni per i tweet con “offesa al presidente”, “propaganda terroristica”

Il tribunale turco condanna il leader anti-Erdogan a nove anni per i tweet con “offesa al presidente”, “propaganda terroristica”

ISTANBUL – Un tribunale turco ha condannato venerdì Canan Kaftancioglu, presidente della sezione provinciale di Istanbul del partito di opposizione CHP e consigliere stretto del sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu, a nove anni, otto mesi e 20 giorni di carcere con cinque diverse accuse tra cui “propaganda terroristica” , “offesa al presidente” Recep Tayyip Erdogan e “offesa alla Repubblica turca“.

Le accuse che hanno portato alla condanna di Kaftancioglu sono state collegate a 35 tweet che ha pubblicato tra il 2012 e il 2017.

Il tribunale ha stabilito che non ha sospeso la sentenza a causa del “comportamento durante il processo” della Kaftancioglu e del fatto che “non ha mostrato rimorso“.

Tuttavia, al momento non esiste alcun mandato per il suo arresto.

Secondo fonti interne alla cogenerazione, la legge turca Kaftancioglu non sarà detenuta in carcere perché le condanne di primo grado per i singoli crimini sono inferiori a cinque anni.

Il caso ora andrà in appello, dove una decisione deve essere presa “entro sei mesi“.

Il processo di Kaftancioglu è iniziato immediatamente dopo la seconda vittoria dell’opposizione alle elezioni municipali di Istanbul, che ha strappato potere alle forze filo-erdogane dopo 25 anni.

Il sindaco Imamoglu ha partecipato all’udienza venerdì in segno di solidarietà.

I sostenitori del Kaftancioglu di tutto il paese, compresi i presidenti della CHP di ciascuna delle 80 province turche, si sono riuniti davanti al tribunale per sostenere l’imputato.

CHP ha affermato che il processo è stato una vendetta per “il devastante danno all’immagine” inflitto al potere di Erdoganda questa donna politica“.

Kaftancioglu è considerata una dei principali architetti delle vittorie elettorali nella provincia di Istanbul.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento