Islam

Imam arrestato per aver sodomizzato un ragazzo di 12 anni

Imam arrestato per aver sodomizzato un ragazzo di 12 anni

Un imam all’interno della Spring Valley Estate e capo farmacista presso l’Ospedale Nazionale di Abuja è stato arrestato per aver sodomizzato un ragazzo di 12 anni.

Abubakar Danraka, che ha drogato il bambino prima di fare sesso anale con lui è anche Assistente speciale (tecnico) del direttore generale dell’Istituto nazionale per la ricerca e lo sviluppo farmaceutici (NIPRD), Abuja.

L’agenzia nazionale per il divieto di tratta di persone (NAPTIP), che ha arrestato Danraka, ha affermato che il reato è contrario alla legge sulla violenza contro le persone (divieto) 2015. Fonte: Capo, ufficio stampa e pubbliche relazioni, NAPTIP Stella Nezan

Nezan ha dichiarato: “Un maschio di 42 anni residente a Spring Valley Estate nel Territorio della Capitale Federale Abuja, farmacista Abubarkar Mustapha Danraka (nella foto) è stato arrestato dagli agenti dell’Agenzia nazionale per il divieto di tratta di persone (NAPTIP) per sodomia .
Dankara, che ha un dottorato di ricerca, è stato arrestato dopo aver avuto un rapporto sessuale anale con un ragazzo di 12 anni (nome trattenuto). Questa infrazione è contraria alla legge sulla violenza contro le persone (divieto) 2015

“Sig. Abubakar Danraka, che lavora presso l’Ospedale Nazionale, Abuja come Capo Farmacista è attualmente Assistente Speciale (Tecnico) del Direttore Generale dell’Istituto Nazionale per la Ricerca e Sviluppo Farmaceutici (NIPRD), Abuja.

“Oltre ad essere un farmacista, il signor Abubakar che proviene da Zaria, lo stato di Kaduna è anche un imam nella moschea all’interno della sua proprietà.

“Raccontando il suo calvario, la vittima di 12 anni ha detto agli Operatori del NAPTIP che il crimine è avvenuto sabato 21 marzo 2020 nella residenza del sospetto. Secondo lui, dopo il loro programma educativo religioso (Islamiyya) quel pomeriggio, decise di andare a trovare il suo amico che viveva vicino all’imam.

“Dopo diversi colpi alla porta, e non avendo avuto alcuna risposta, il ragazzo si stava allontanando in quel momento l’imam ha aperto la porta e gli ha fatto cenno di entrare.

“L’imam è andato oltre l’fferta dii un bicchiere d’acqua. Non sospettando nessun pericolo, il ragazzo ha bevuto l’acqua e ha cominciato a sentirsi debole.
In quello stato di debolezza, l’imam lo ha sopraffeto e lo ha coricato su un divano rosso del suo salotto…..

“Dopo che l’imam aveva finito, gli ha chiesto di tornare a casa con il severo avvertimento di non parlare di quello che era successo con nessuno.

“Al suo ritorno a casa la vittima ha detto tutto ai genitori, la madre ha controllato il suo corpo e ha constatato quanto successo..
Lei e il padre lo hanno portato di corsa all’ospedale,dove è stato ricoverato.
La vittima è stata dimessa giovedì 26 marzo 2020 dopo cinque giorni di degenza.

“L’indagato che è attualmente sotto la custodia di NAPTIP ha negato che si fosse verificato un simile evento.
Le successive indagini a casa dell’imam hanno confermato il racconto della vittima. Ulteriori indagini sono in corso.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento