Islam

In Turchia, Persino I Cristiani Morti Non Sono Sicuri

In Turchia, Persino I Cristiani Morti Non Sono Sicuri

L’odio contro i non musulmani è così intenso in Turchia che anche i morti non possono sfuggirlo.

Una recente dimostrazione di questa ostilità si è svolta nella capitale turca di Ankara. Le tombe in un cimitero armeno sono state profanate.

Sitoo di notizie Bianet:
Il cimitero armeno di Stanoz, nel distretto Sincan di Ankara, è da anni bersaglio dei cacciatori di tesori. Il cimitero è stato danneggiato molte volte.
Una parte del cimitero armeno con terreni agricoli accanto ad esso è utilizzato come area pic-nic.
I fili spinati posti intorno al cimitero dal Comune di Sincan per proteggerlo sono stati rimossi.
Le immagini di ossa umane sparse che escono dai cimiteri scavate dai cacciatori di tesori in cerca di sepolture nel cimitero sono state pubblicate molte volte sui social media.
Tuttavia, a causa della mancanza di azione [da parte delle autorità], rimangono solo poche lapidi con iscrizioni armene e le croci incise.

Il deputato dell’opposizione Garo Paylan, di origine armena, ha posto al ministro turco della cultura e del turismo Nuri Ersoy le seguenti domande attraverso una mozione parlamentare:

  • Perché non avete protetto il cimitero armeno di Ankara Stanoz?
  • Avete un piano per proteggere i numerosi cimiteri armeni in tutto il paese?
  • Avete cercato di catturare i cacciatori di tesori che hanno saccheggiato il cimitero armeno di Stanoz?

Il ministro deve ancora rispondere alle domande di Paylan.

Tali attacchi non sono incidenti isolati in Turchia. Sono diffusi e la ragione sembra essere l’odio e l’intolleranza che molti turchi hanno per i non musulmani.

Anche la maggioranza dei rappresentanti dell’opposizione politica turca non alza la voce contro gli abusi dei cimiteri e delle tombe non musulmane. Nel frattempo le profanazioni continuano ad accumularsi.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento