Islam

Insegnante madrasa arrestato per aver violentato una bambina di 9 anni in un orfanatrofio a Comilla

Insegnante madrasa arrestato per aver violentato una bambina di 9 anni in un orfanatrofio a Comilla

Dopo aver licenziato tutti gli studenti della sua madrasa, l’insegnante di madrasa accusato ha portato la bambina in una stanza e, secondo quanto riferito, l’ha violentata

La polizia ha arrestato un’insegnante di madrasa per aver violentato una bambina nell’upazila Nangalkot di Comilla.

L’incidente è avvenuto lunedì pomeriggio a Shubhpur Wasakia Qurania Madrasa e orfanotrofio a Boxganj, unione dell’upazila.

L’insegnante di madrasa arrestato è, Billal Hossain, figlio di Abul Kalam del villaggio di Chenguchhara nel distretto di Manikchhari upazila del distretto di Khagrachhari.

Lo stesso giorno il padre della bambina ha presentato un’istanza contro l’insegnante di Madrasa alla questura.

La polizia ha arrestato Billal lunedì sera.

La sopravvissuta allo stupro, di 9 anni, di Kadamtali nella stessa unione, è una bambina di prima elementare.

Secondo fonti del caso, la bambino studia alla madrasa da circa due anni.

Lunedì pomeriggio, Billal ha licenziato tutti gli studenti della madrasa e ha portato la bambinma in una stanza della madrasa, e secondo quanto riferito, l’ha violentata.

La bambina è tornata a casa nel villaggio di Ajiara e sua madre la vista sanguinare nella zona dei genitali.

Più tardi, i genitori della bambina l’hanno portata al complesso sanitario Nangalkot Upazila in condizioni critiche.

Il medico di turno del complesso sanitario l’ha mandato in questura i genitori mentre le sue condizioni peggioravano. Più tardi, è stata trasferita Comilla Medical College Hospital per cure avanzate.

Il sub-ispettore della polizia di Nangalkot Anwar Hossain Khandaker, anche lui l’ufficiale inquirente del caso, ha detto che l’insegnante accusato è stato arrestato sulla base di una denuncia preliminare ed è stato prodotto davanti al tribunale.

Le misure legali saranno prese dopo le indagini, ha aggiunto.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento