Islam / World News

Iran: 104ma donna giustiziata durante il mandato di Rouhani

Iran: 104ma donna giustiziata durante il mandato di Rouhani

Una donna iraniana, identificata con il nome Sara M, è stata giustiziata la scorsa settimana nella prigione di Mashad, nell’Iran centrale, secondo il Comitato femminile del Consiglio nazionale della resistenza iraniana (NCRI).

La sua esecuzione segna la 104ma volta in cui una donna è stata giustiziata durante la cosiddetta presidenza “moderata” di Hassan Rouhani che è entrato in carica nel 2013.

L’agenzia di stampa statale Rokna ha riferito il 14 gennaio che Sara M, che era stata arrestata all’età di 32 anni nel 2016, ha trascorso due anni in prigione prima di essere giustiziata all’inizio di gennaio 2020.

Sara M. è la prima donna ad essere giustiziata in Iran nel 2020. Nel 2019, il regime iraniano ha giustiziato 16 donne, contemporaneamente a crescenti repressioni ed esecuzioni in Iran.

Solo nelle tre settimane di dicembre 2019, sei donne sono state giustiziate dal regime in varie carceri iraniane.

#Iran Sara M. giustiziata nella prigione di Mashhad – 104 donne giustiziate sotto Rouhani https://t.co/ZGInbnKFSN
– Comitato delle donne dell’NCRI (@womenncri) 14 gennaio 2020

Queste donne sono state identificate come:

Somayyeh Shahbazi Jahrouii, 4 dicembre 2019, Sepidar Prison of Ahvaz

Fatemeh Ghezel Safarlou, 4 dicembre 2019, Prigione di Gohardasht di Karaj

Nargess o-Sadat Tabaii, 4 dicembre 2019, Gohardasht Prison of Karaj

Maryam, 8 dicembre 2019, Prigione centrale di Mashhad

Fatemeh R., 9 dicembre 2019, Prigione di Gohardasht di Karaj

Eshrat Nazari, 18 dicembre 2019, Prigione di Gohardasht di Karaj

#Iran Regime si blocca #Donna per difendersi dallo stupro https://t.co/BtOM6Byftm#FreeIran #StopIranBloodshed #IranRegimeChange
– NCRI-FAC (@iran_policy) 6 dicembre 2019

Il regime iraniano è il migliore carnefice del mondo e ha il più alto record di esecuzioni di donne in tutto il mondo. Il codice penale del regime non riesce a classificare gli omicidi in base ai loro gradi; pertanto, molte donne che hanno presumibilmente ucciso uomini per autodifesa vengono condannate a morte.

Una donna, identificata come Maryam, 32 anni, è stata impiccata insieme a suo marito, Mehdi R., all’alba dell’8 dicembre nella prigione centrale di Mashhad

https: //t.co/5o0LrMRCw8#Iran #FreeIran #HumanRights pic.twitter.com / RbeZYEMnJ2
– NCRI-FAC (@iran_policy) 13 dicembre 2019

Molte donne sono attualmente in attesa di esecuzione in carcere. Alcune di queste donne sono detenute nella prigione di Qarchak nel braccio della morte. Queste donne sono per lo più madri e hanno diversi figli “, ha aggiunto il rapporto del Comitato femminile dell’NCRI.

La recente esecuzione è in linea con la brutale repressione del regime contro i manifestanti iraniani, in particolare le donne, durante le proteste nazionali dell’Iran a novembre.

Secondo il rapporto mensile pubblicato dal Comitato delle donne dell’NCRI nel dicembre 2019 e, come confermato da Reuters a dicembre, “circa 400 donne e 17 adolescenti” sono tra le oltre 1500 persone uccise durante le proteste in Iran.

400 donne si sono innamorate della libertà durante le proteste in Iran, hanno registrato la determinazione delle donne in Iran per la libertà e l’uguaglianza“, ha aggiunto il rapporto del Comitato delle donne dell’NCRI.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento