Islam

Iran: Sentenza del Regime manda in prigione Cantante curdo

Iran: Sentenza del  Regime manda in prigione Cantante curdo

Un “cosiddetto tribunale rivoluzionario” islamico in Iran ha condannato un cantante curdo di Urmia a due anni di prigione per “propaganda contro il governo“.

Il cantante, Peyman Mirzade, è stato arrestato dalle forze di sicurezza del regime iraniano a febbraio.

Mirzade, ha trascorso una settimana in custodia di agenti dell’intelligence prima di essere trasferito in tribunale. Il suo processo è avvenuto senza l’ausilio di un avvocato difensore e si è rapidamente concluso con una condanna a due anni di prigione e con il divieto assoluto di cantare.

A seguito di questa nuova sentenza, deve trascorrere tre anni e mezzo in prigione.

Peyman mirzade è stato precedentemente arrestato nel 2017 per la cosiddetta “diffusione di propaganda contro il governo” e ha trascorso sei mesi in prigione.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento