Migranti / World News

Irlanda: Ragazzo ricoverato in ospedale dopo brutale accoltellamento (video)

Irlanda: Ragazzo ricoverato in ospedale dopo brutale accoltellamento (video)

Un ragazzo è stato ricoverato in Irlanda la notte scorsa dopo un brutale accoltellamento. Il video dell’attacco è circolato online.

L’incidente è avvenuto alle 10:25 circa della scorsa notte nella zona del Waterpark di Carrigaline, nella contea di Cork.
Il ragazzo era fuori con gli amici in un parco quando un altro gruppo di persone ha cercato di rubare il suo cellulare. Ne è seguita una rissa, e il ragazzo è stato ferito con una bottiglia rotta, secondo un rapporto dell’Irish Times.

Né le generalità dell’aggressore né quelle della vittima sono state stabilite, ma i rapporti dicono che la vittima ha 17 anni e l’aggressore era un adolescente di “carnagione scura”..

Nel video si vede un ragazzo con carnagione scura pugnalare il ragazzo dalla pelle bianca più volte. L’aggressore ha smesso di accoltellare la vittima solo dopo l’esortazione dei passanti.
Il ragazzo sembra essere gravemente ferito.

Dieci unità di polizia sono state spedite sul posto e il personale dell’Unità di Supporto Armata si è precipitato sulla scena.
I rapporti della polizia dicono che il ragazzo è stato portato in ambulanza al Cork University Hospital, dove ha subito un intervento chirurgico per ferite multiple da arma da taglio. Da questa mattina è in condizioni stabili.

Il Garda, la polizia irlandese, ha arrestato quattro adolescenti.
Tre sono stati rilasciati senza essere accusati, ma il quarto, è stato trattenuto alla stazione di polizia di Cork per essere interrogato.

Il Garda ha detto che è in corso un’indagine sull’aggressione.
La scena è stata isolata e un’unità scientifica ha intrapreso un esame della zona. La bottihglia rotta usata come arma è acquisita come prova.

La criminalità è aumentata in modo significativo anche in Irlanda negli ultimi anni. nel mese di aprile, un uomo di origine mediorientale è stato accusato dell’omicidio di uno studente irlandese.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento