Islam / World News

Islamisti armati uccidono 34 persone in un attacco ad un autobus in Etiopia occidentale

Islamisti armati uccidono 34 persone in un attacco ad un autobus in Etiopia occidentale

ADDIS ABABA: Uomini armati hanno ucciso almeno 34 persone in un attacco “gruesome” contro un autobus passeggeri nell’Etiopia occidentale, una parte del paese che ha recentemente visto una serie di attacchi mortali contro i civili.

La Commissione etiope per i diritti umani (EHRC) ha dichiarato che “il numero stimato di vittime, dell’attacco avvenuto sabato notte nella regione di Benishangul-Gumuz, attualmente di 34, è destinato a salire”.

La dichiarazione del CER ha detto che l’attacco al bus è avvenuto nell’area amministrativa, e che “ci sono segnalazioni di attacchi simili” in altre tre aree, così come “di persone che sono fuggite per cercare riparo”.

Il governo del primo ministro Abiy Ahmed ha fornito scarse informazioni sulle recenti violenze a Benishangul-Gumuz, in particolare nella zona di Metekel.

Dodici persone sono state uccise in un attacco nel mese di ottobre, mentre 15 sono morte in un attacco simile alla fine di settembre.

Rivolgendosi ai legislatori in ottobre, Abiy ha detto che i combattenti responsabili delle uccisioni stavano ricevendo addestramento e riparo nel vicino Sudan e che l’assistenza di Khartoum era necessaria per stabilizzare l’area.

Non è noto alcun legame tra le violenze a Benishangul-Gumuz e le operazioni militari nella regione settentrionale del Tigray in Etiopia, dove sono morte centinaia di persone e più di 20.000 persone sono in fuga oltre il confine in Sudan.

I politici dell’opposizione hanno descritto la violenza a Benishangul-Gumuz come motivata etnicamente.

In particolare dicono che c’è una campagna mirata da parte delle milizie etniche di Gumuz contro Amhara e Agew che vivono a Metekel.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento