Politica / World News

Italia: La Toscana eroga fondi per interventi chirurgici di riassegnazione del sesso durante la crisi della pandemia

Italia: La Toscana eroga fondi per interventi chirurgici di riassegnazione del sesso durante la crisi della pandemia

L’Italia ha lottato con uno dei peggiori focolai della pandemia coronavirus (COVID-19), attualmente ha subito il maggior numero di morti e il secondo più alto numero di casi confermati in tutta Europa.

I suoi ospedali sono sopraffatti e il governo sta cercando di convincere l’Unione europea a fornire aiuti da poter utilizzare per prevenire una catastrofe economica a seguito del blocco in corso.

Ma gli italiani toscani che cercano di cambiare sesso non devono preoccuparsi: il governo regionale sta facendo in modo di poter far loro ottenere ciò che vogliono.

Il Consiglio regionale della Toscana ha votato all’unanimità il 23 marzo l’erogazione di 80.000 euro per interventi chirurgici di riassegnazione del sesso per il prossimo anno, come riportato nei verbali ufficialidella riunione.

Enrico Rossi : Partito PD 
Enrico Rossi è un politico italiano, presidente della Regione Toscana dal 2010. È membro del Comitato europeo delle regioni dal 26 gennaio 2015; dall’ottobre 2019 è vicepresidente del gruppo socialista al CoR.. Sindaco di Pontedera tra il 1990 e il 1999, è stato assessore regionale alla Sanità della Toscana dal 2000 al 2010 sotto la presidenza di Claudio Martini.

 

Il denaro sarà dato alla USL Toscana Northwest Health Society, una società che gestisce 13 ospedali in tutta la Toscana, impiegando 13.000 dipendenti e partecipando alle esigenze sanitarie di 1,2 milioni di cittadini.

Il denaro sarà erogato in due rate. All’inizio del progetto sarà fornito l’80% alla TOscana USL, e il restante 20% sarà fornito dopo che l’azienda fornirà un rapporto dettagliato degli interventi chirurgici eseguiti e dei costi sostenuti.

Questo non ha impedito alla USL Toscana Nord-Ovest di chiedere ai cittadini donazioni sui social media.
In una post pubblicato sulla loro pagina Facebook all’iniziodi questo mese, l’azienda fornisce informazioni su come le persone possono inviare denaro, che dice necessario “per l’acquisto di attrezzature cruciali per gestire la difficile situazione in cui tutti i servizi sono attualmente impegnati”.
Tuttavia la società non specifica se una parte o tutta la donazione sarà utilizzato per interventi chirurgici di riassegnazione del sesso durante la pandemia coronavirus.

L’Italia è attualmente bloccata in un acceso conflitto con l’Unione europea sulla questione se il blocco debba offrire agli Stati membri, in difficoltà per la pandemia, un prestito da rimborsare, o se gli aiuti dovono essere erogati sotto forma dei cosiddetti “obbligazioni corona” che distribuirebbero il debito tra tutti i membri dell’Eurozona.

Venerdì, sia il Movimento 5 Stelle di sinistra dell’Italia, che attualmente detiene la maggior parte dei seggi in Parlamento italiano, sia la Lega di Matteo Salvini – attualmente il partito più popolare nel paese – hanno chiarito che si sono opposti a qualcosa di diverso dall’emissione di titoli corona, e avrebbero persino rovesciato l’attuale coalizione di governo se necessario.

Ma forse i cittadini degli altri paesi dell’Eurozona – così come molti italiani – potrebbero chiedersi perché, se l’Italia si trova in condizioni economiche così difficili e i suoi servizi medici sono ormai al limite e con tante vittime del coronavirus, il governo toscano è riuscito a trovare quasi centomila euro da pagare per gli interventi chirurgici di riassegnazione del sesso?

Per non parlare di come la Toscanasi possa aspettarsi che il suo personale medico trovi il tempo e le forniture mediche necessarie per eseguire tali procedure nel bel mezzo della peggiore crisi sanitaria degli ultimi decenni?

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento