Islam

Judoka algerino lascia olimpiadi per evitare di affrontare Israele

Judoka algerino lascia olimpiadi per evitare di affrontare Israele

Il judoka algerino Fethi Nourine ha perso il suo posto alle Olimpiadi di Tokyo dopo che gli è stato detto che avrebbe dovuto affrontare il judoka israeliano Tohar Butbul, lo hanno riferito giovedì i media israeliani.

I due si sarebbero affrontati al secondo turno se entrambi avessero superato la prima fase.

Nourine è stato citato dai media algerini dicendo: “Non alzeremo la bandiera israeliana e non ci sporcheremo le mani contro un israeliano”.

Un membro anziano della delegazione algerina ha spiegato il motivo della decisione di Nourine dicendo: “Siamo stati sfortunati con la lotteria. Il motivo per cui si è dimesso è perché Nourine potrebbe affrontare un israeliano.

L’incidente non dovrebbe sorprendere, secondo i rapporti, poiché due anni fa Nourine lasciò una competizione a Tokyo per evitare di affrontare Butbul.

L’israeliano ha poi chiuso al settimo posto nei Campionati del Mondo.

L’Algeria, come molti Stati musulmani, non ha relazioni con Israele. Nell’aprile del 2018, un tribunale algerino ha condannato otto persone a 10 anni di carcere per spionaggio per Israele.

A dicembre, il capo del più grande partito islamista algerino ha etichettato il primo ministro marocchino Saad Eddine El-Othmani come un “traditore” per la decisione del suo paese di normalizzare i legami con Israele.

Gli atleti di paesi che non hanno legami con Israele si ritirano regolarmente dalle competizioni sportive per evitare di affrontare gli israeliani.

L’incidente più famoso degli ultimi anni è stato quello del judoka iraniano Saeid Mollaei, costretto a lasciare un incontro contro gli israeliani, anche dopo che la Federazione internazionale di judo (IJF) e l’Iran avevano raggiunto un accordo che stabiliva che l’Iran non boicotterà più le competizioni contro gli israeliani.

Mollaei in seguito si è recato in Germania per iniziare il processo di richiesta d’asilo. È stato riconosciuto come rifugiato in Germania nel novembre del 2019 e recentemente ha vinto una medaglia d’argento al Grande Slam di Tel Aviv, dove ha rappresentato la Mongolia.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento