Islam

“La casa di Allah non può essere chiusa”

“La casa di Allah non può essere chiusa”

Come si può vedere nel video, i funzionari di polizia chiedono al Maulvi di una moschea di scoraggiare i fedeli dal radunarsi nella moschea e di esporsi al rischio di contrarre il coronavirus altamente contagioso.
Tuttavia, il Maulvi si rifiuta di aiutare

Mentre un gran numero di indiani sta rispettando le restrizioni del governo a seguito dell’epidemia di coronavirus, ci sono molte persone che le hanno ignorate, anche se i casi di COVID-19 continuano ad aumentare nel paese.

Di recente, un Maulvi inarrestabile si è rifiutato di sconsigfliare ai fedeli di radunarsi moschea a causa dei crescenti casi di coronavirus nel paese.

In un video che è diventato virale, un Maulvi ribelle ostinatamente rifiuta le richieste della polizia di chiederee ufficialmente alle persone della zona di desistere dal visitare la moschea e di rispettare le restrizioni imposte per frenare la diffusione del coronavirus.

Come si può vedere nel video, i funzionari di polizia chiedono al Maulvi di una moschea di scoraggiare i fedeli dal radunarsi nella moschea e di esporsi al rischio di contrarre il coronavirus altamente contagioso.

Tuttavia, il Maulvi si rifiuta, contestando ai funzionari di polizia che loro vanno in giro in gruppi di 15 per fare rispettare le restrizioni sul coronavirus, quindi dovrebbero consentire anche a 15-20 fedeli di riunirsi nella moschea per offrire le loro preghiere namaz .

“Chiediamo alle persone di rispettare le regole nella misura che riteniamo appropriata.
La mia domanda è: perché voi andate in giro in gruppi di 15 e proibite agli altri di formare gruppi?
Se il coronavirus non vi infetta, sii certo, che non avrà alcun effetto neanche su di noi “, ha risposto Maulvi ; aggiungendo inoltre:

“Ci stai chiedendo di chiudere la” Casa di Allah ” e di adorarlo nelle nostre case. E se chiudessimo la sua casa e lui chiudesse la nostra casa? ”

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento