Politica / World News

La coalizione globalista della Merkel si oppone alla maggioranza del popolo tedesco, prevede di accogliere 1.500 “minori non accompagnati”

La coalizione globalista della Merkel si oppone alla maggioranza del popolo tedesco, prevede di accogliere 1.500 “minori non accompagnati”

Questo è ciò che sembra uno dei poveri rifugiati di 16 anni che la Germania vuole accogliere. Forse aveva 16 anni circa 20 anni fa

pic.twitter.com/2oPIi1Baz9
– Stan (@ StanM3) 9 marzo 2020

Gli “immigrati” sostenuti dalla polizia turca stanno cercando di rompere le barriere e di entrare illegalmente in Europa.

#GreciaUnderAttack #Grecia
pic.twitter.com/bS6StQ6Uqe
– Nic ?? (@NicAthens) 8 marzo 2020

La coalizione globalista della Merkel ha deciso di accogliere 1.500 cosiddetti “minori non accompagnati” e “bambini rifugiati“, nonostante la stragrande maggioranza dei tedeschi si opponga.

Nonostante il popolo tedesco si opponga in modo schiacciante, il governo tedesco ha ancora in programma di andare avanti con la decisione di accogliere almeno 1.500minori non accompagnati” e “bambini rifugiati“, riferisce il quotidiano regionale Augsburger Allgemeine Zeitung.

Secondo gli ultimi sondaggi, solo il 39,3 per cento è favorevole mentre il 50,8 per cento si oppone. Se divisi per partito, i sondaggi sono ancora più sorprendenti,

Oltre il 71 percento dei sostenitori della CDU della Merkel è contrario all’idea. Oltre il 75% degli elettori FDP si oppone all’idea, mentre oltre il 95% dei sostenitori della AfD non è d’accordo con la decisione.

Solo i sostenitori del Partito verde, della sinistra e dei socialdemocratici sono favorevoli con oltre il 68 percento, il 56 percento e il 58 percento rispettivamente.

Nel frattempo, ancora una volta Berlino sta parlando di una soluzione europea per accogliere i migranti, a seguito dell’offensiva di Erdogan in Siria e della sua recente decisione di aprire il confine turco con l’UE.

Le foto dal confine greco, tuttavia, dipingono un quadro molto diverso da quello dei rifugiati pacifici. Molti violenti attacchi alle guardie di frontiera greche da parte di migranti aggressivi in ​​età militare sono stati catturati dai filmati.

In passato, a seguito della crisi migratoria del 2015, i cosiddetti “rifugiati minorenni” si sono spesso rivelati uomini in età militare.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento