World News

La Commissione europea riconosce che le misure di emergenza dell’Ungheria sono legali

La Commissione europea riconosce che le misure di emergenza dell’Ungheria sono legali

Quando in marzo l’Ungheria ha annunciato che stava introducendo una legge d’emergenza per affrontare l’epidemia di coronavirus (COVID-19), c’è stata una condanna globale da parte dei liberali che sostenevano che il primo ministro ungherese, Viktor Orbàn, stesse cercando di darsi illegalmente poteri dittatoriali.
Molti hanno chiesto all’Unione europea di agire contro l’Ungheria. Ma ora la Commissione europea (CE) ha riconosciuto che le misure di emergenza dell’Ungheria sono legittime.

Tra le voci che hanno condannato l’Ungheria non è da meno quella di Donald Tusk, l’ex presidente della Commissione europea e attuale presidente del Partito popolare europeo (il più grande blocco parlamentare dell’UE di cui l’Ungheria è membro), che si è spinto fino ad accusare Orbàn di nazismo e ha invitato il partito di Orbàn, Fidesz, ad espellerlo.
Ciò nonostante molte nazioni europee abbiano promulgato legislazioni d’emergenza simili per affrontare la pandemia.

Dopo aver esaminato la legge, la Vicepresidente per i valori e la trasparenza della Commissione europea, V’ra Jourovà, ha ufficialmente riconosciuto che la CE ha stabilito che la misura dell’Ungheria è del tutto legale e conforme agli standard dell’Unione europea, come riportato da Die Welt.

Il ministro della Giustizia ungherese, Judit Varga, ha annunciato la sentenza della CE su Facebook. In un’intervista televisiva di ieri, Varga ha chiesto all’opposizione interna dell’UE e dell’Ungheria di scusarsi per aver diffamato ingiustamente l’Ungheria.

“Gli eurodeputati dell’opposizione competono tra loro per diffondere notizie false a Bruxelles, e si lamentano ogni giorno che le istituzioni europee non stanno compiendo passi più saldi contro l’Ungheria”, ha scritto Varga su Facebook, come riportato da Remix News. “La dichiarazione di ieri del Vicepresidente della Commissione europea ha completamente screditato la campagna dell’opposizione contro il nostro paese.”

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento