Politica / World News

La Croazia accoglieràminori migranti non accompagnati

La Croazia accoglieràminori migranti non accompagnati

Sotto la pressione del Consiglio d’Europa, il primo ministro croato Andrej Plenkovic segnala che invertirà la rotta e permetterà ai minori non accompagnati presenti tra i migranti illegali di entrare nel suo paese.

A gennaio ha incontrato l’attuale Segretario generale del Consiglio d’Europa Pej’inovic Burià che è anche membro del partito di Centro-Destra Unione Democratica Croata di Plenkovià.
Tra gli argomenti trattati vi era l’importanza di “stabilire le norme europee” in tutti i Balcani e nell’Europa orientale, in particolare in relazione al diritto internazionale e ai diritti umani, secondo un rapporto di Total Croatia News.

Nel maggio 2019, il Rappresentante speciale del Consiglio d’Europa per le migrazioni e i rifugiati, Tomaa Boek, ha pubblicato un rapporto sulla migrazione tra gli Stati membri, sottolineando la necessità di “rispettare i diritti umani [migranti] e fare in modo che coloro che hanno bisogno di asilo lo ottengano.
Nel 2018 ha citato le segnalazioni di migranti trattati male da ufficiali croati alla frontiera e ha chiesto l’installazione di “meccanismi e indagini credibili per i disturbi” per affrontarli. Ha sottolineato a Plenkovic la necessità che la Croazia rispetti queste raccomandazioni.

“Questa istituzione ritiene che i migranti bambini siano una questione particolarmente delicata, in particolare i minori migranti non accompagnati”, ha dichiarato Burià durante la riunione.

Il Commissario per i diritti umani ha inoltre criticato il trattamento dei migranti provenienti dalla Bosnia-Erzegovina da parte di funzionari croati alla frontiera, sostenendo che si trattava di una violazione della Convenzione dei diritti dell’uomo.

In risposta ai suggerimenti di Burià, secondo quanto riferito, Plenkoviì ha affermato che “questo non dovrebbe essere un problema”.

Oltre al Consiglio d’Europa, la Croazia detiene anche la presidenza del Consiglio dell’Unione europea per il 2020. Il paese sta cercando di entrare nella zona Schengen dell’Europa e nell’Eurozona nel prossimo futuro, motivo per cui i suoi leader sono particolarmente desiderosi di compiacere Bruxelles e Strasburgo in questo momento. Il mese prossimo si terrà il vertice UE-Balcani occidentali del Consiglio europeo.

L’adesione della Croazia alla zona Schengen sarebbe particolarmente problematica se iniziasse effettivamente a consentire ai migranti minori non accompagnati di attraversare i suoi confini, ciò darebbe libero sfogo ai migranti di viaggiare verso qualsiasi Stato membro all’interno di Schengen.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento