Islam / Migranti / World News

La Francia è il campo di battaglia in una “guerra tra due civiltà”

La Francia è il campo di battaglia in una “guerra tra due civiltà”

L’Islam come movimento politico sta conducendo una guerra contro l’Europa e la Francia nel nostro territorio, ha detto il filosofo e scrittore francese , in un talk show politico sul canale di notizie francese CNews.

“Questa è una guerra tra due civiltà, e abbiamo fatto la follia di accogliere milioni di persone, e il risultato è che ora abbiamo un confronto di due civiltà sul nostro suolo”. Ha aggiunto che lo stile di vita occidentale è una fonte quotidiana di frustrazione e risentimento per coloro che propagano l’islamismo.

“Per chi vive nella sfera islamica – che ha dominato il mondo per la maggior parte del Medioevo – è un’umiliazione quotidiana… Tutti i servizi moderni del nostro tempo come il telefono e l’automobile sono i prodotti della sfera giudeo-cristiana”, ha detto.

Inoltre, ha sottolineato che si deve fare una distinzione tra l’Islam come religione e l’Islam come movimento politico.

“Distinguo tra l’islam con una piccola ‘i’ e l’Islam con una ‘I’ maiuscola”, ha detto. “L’islam small caps è una religione come qualsiasi altra… mentre l’Islam con la “I” maiuscola è una civiltà, e ancor più, una forza politica che avanza, una politica rivoluzionaria e sovversiva. L’Islam vuole vendicarsi dell’Europa, in particolare della Francia, delle ex potenze coloniali del mondo cristiano, e così via.”

Secondo la comunità, i migranti provenienti dai paesi musulmani trasformeranno l’Europa in ciò che molti di loro stavano fuggendo.

“Ci sono milioni di persone che provengono dalla sfera arabo-musulmana e africana che sono venute in Europa, fuggendo dalle condizioni create dalla loro civiltà islamica. Nel bene e nel male, [quella civiltà] ha sia cose buone che cattive”, ha detto. “Vengono in Europa, e mentre molti di loro vogliono avere lo stile di vita europeo, c’è un gran numero di loro che vogliono importare la civiltà arabo-musulmana da cui sono fuggiti.”

“Questo è il motivo per cui dico che questa è una forza che trascende gli individui. Questa è una forza storica che sta avanzando che va anche oltre la ragione individuale”.

Le osservazioni di Emmour arrivano dopo una serie di recenti attacchi terroristici islamici di alto profilo, tra cui la raccapricciante decapitazione dell’insegnante di storia Samuel Paty a Parigi da parte di un terrorista islamico di 18 anni che era studente di Paty. Lo studente si stava vendicando contro Paty per la sua decisione di mostrare le vignette in classe del profeta Maometto in una lezione sulla libertà di espressione.

Emmour è uno degli intellettuali più importanti della Francia, è l’autore de “Il suicidio francese” ed è noto per la sua forte opposizione contro la continua immigrazione in Francia. In una precedente intervista, ha paragonato l’immigrazione nel suo paese a uno “tsunami demografico” e ha detto di credere che le attuali politiche di immigrazione e integrazione siano fallite.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento