World News

La Germania si prepara per l’eventuale violenza estremista di sinistra del 1° Maggio

La Germania si prepara per l’eventuale violenza estremista di sinistra del 1° Maggio

Le autorità tedesche si stanno preparando per le manifestazioni e la eventuale violenza del 1° Maggio, la tradizionale festa per i movimenti radicali di sinistra.
Diversi gruppi estremisti di sinistra hanno deciso di radunarsi per strada nel tentativo di sfruttare il caos causato dall’epidemia di coronavirus (COVID-19).

A Lipsia, considerata la roccaforte dell’estrema sinistra tedesca, il collettivo anarchico dei media Indymedia ha chiesto una dimostrazione di massa, nonostante il pericolo che possa diffondere il virus violando le misure di distanziamento sociale.
“Anche quest’anno chiediamo che il primo maggio sia un giorno di lotta contro il capitalismo, il nazionalismo, il patriarcato e ogni altra forma di governo e sfruttamento”, ha scritto Indymedia sul suo sito web, come riportato da Junge Freiheit.
Gli estremisti hanno soprannominato il 1° Maggio “Il Giorno “Rivoluzionario del 1° maggio”.

Indymedia, il mese scorso,ha chiesto esplicitamente che i radicali approfittino della crisi coronavirus , affermando che stao “tentando di dare il suo contributo rivoluzionario ai focolai di rabbia, proteste, saccheggi e rivolte”.

I radicali in molte altre città tedesche hanno chiesto “azioni decentralizzate in tutto il paese” volte a “la situazione esistente”.
A Wuppertal, un gruppo ha chiesto attacchi contro gli agenti di polizia, e ad Amburgo hanno chiesto che “la classe dirigente” fosse attaccata a causa della loro presunta responsabilità per il coronavirus.

La polizia di Berlino ha già avuutp un assaggio di ciò che potrebbe arrivare martedì sera, quando gli estremisti gettarono sacchi di una sostanza colorata che puzzava fortemente sugli agenti di Rigaer Strae.
Un poliziotto rimase ferito agli occhi, secondo un altro rapporto di Junge Freiheit. Il gruppo HAHA ha rivendicato l’attacco sul sito Indymedia.

I radicali di sinistra chiedono la violenza quotidiana a Rigaer Straàe, una delle principali arterie di Berlino, fino a venerdì.

L’Unione cristiano-democratica al potere è preoccupata per i potenziali disordini.
Il portavoce della CDU Stephan Lenz ha detto a Tagesspiegel di essere preoccupato per il potenziale di violenza nonostante il blocco in corso. “Non possiamo lasciare la nostra città agli estremisti”, ha detto.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento