Migranti / Politica

La guardia di frontiera polacca arresta due migranti illegali e i loro contrabbandieri

La guardia di frontiera polacca arresta due migranti illegali e i loro contrabbandieri

Un totale di quattro turchi sono stati arrestati dall’unità della guardia di frontiera di Bieszczady nei monti Bieszczady, nel sud-est della Polonia. Due degli uomini hanno attraversato a piedi il cosiddetto confine verde tra l’Ucraina e la Polonia e gli altri due dovevano recuperarli per facilitare il loro viaggio in Germania.

La vicenda è iniziata quando gli agenti hanno scoperto i segni di un attraversamento illegale della frontiera tra Ucraina e Polonia nel villaggio locale di Kwaszenina. La Guardia di Frontiera ha immediatamente avviato un’indagine che, nel in pochi minuti, ha portato al fermo di due migranti clandestini e degli uomini che li hanno assistiti.

Si è scoperto che il confine era stato attraversato a piedi da due cittadini turchi (di 31 e 46 anni) e da altri due turchi (di 26 e 29 anni) che erano arrivati in auto per prenderli. I contrabbandieri avevano il permesso legale di rimanere negli Stati membri dell’Unione europea e volevano portare i loro connazionali nell’Europa occidentale.

I due contrabbandieri hanno ammesso alla polizia di aver attraversato illegalmente il confine e hanno patteggiato una pena di quattro mesi di reclusione; mentre i due migranti illegali hanno dichiarato che si erano incontrati a Leopoli, in Ucraina, e avevano pagato ai loro connazionali 3.000 euro ciascuno per organizzare il loro trasferimento in Germania.

Secondo procedura, i migranti sono stati rimpatriati in Ucraina. Gli organizzatori del trasferimento sono stati multati per diverse migliaia di złoty dal tribunale distrettuale di Lesko.

I turchi sono la seconda nazionalità più registrata, dopo gli afghani che cercano di attraversare illegalmente il confine polacco nel Voivodato di Podkarpackie.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento