Islam / Italia / Migranti / Politica

La pressione migratoria continua a crescere in Italia

La pressione migratoria continua a crescere in Italia

Non c’è alcuna riduzione dell’onere migratorio sulle isole italiane in quanto le navi civili che trasportano immigrati clandestini attraverso il Mediterraneo verso l’Italia si sono susseguite uno dopo l’altro negli ultimi giorni,riferisce il quotidiano ungherese Magyar Nemzet .

Proprio lo scorso fine settimana, 800 immigrati clandestini sono arrivati sull’isola di Lampedusa.

È probabile che la tendenza continui a causa del tempo favorevole. Il centro migranti dell’isola è sull’orlo del collasso, ponendo una seria sfida alle agenzie per la salute e la sicurezza per controllare e accogliere gli arrivi illegali.

I lavori di soccorso e l’aumento delle ispezioni sulle coste sono in corso da giovedì scorso, poiché il personale della Guardia Costiera italiana segnala un aumento della pressione. La rotta migratoria verso il Mediterraneo è quindi diventata di nuovo un corridoio trafficato nonostante tutti i pericoli. Venerdì sera, 682 sono arrivati nel corso di poche ore e sabato le autorità hanno registrato ulteriori richieste di asilo.

Con 236 immigrati a bordo, la nave civile Ocean Viking ha ottenuto un permesso di ormeggio ad Augusta, in Sicilia. In direzione Italia anche la nave civile Sea-Watch 4, a cui è stato concesso il permesso di sbarcare i 455 migranti a bordo nel porto di Trapani.

Alle porte del centro migranti di Lampedusa, che può ospitare 250 persone, 723 persone erano in attesa di essere ospitate durante il fine settimana. Secondo la decisione della prefettura, 260 persone sono state trasportate sulla nave da crociera Allegra ancorata al largo delle coste dell’isola. Altri 190 sono stati presi su traghetti locali per Porto Empedocle, in Sicilia, per essere ospitati presso il centro di accoglienza di Caltanisetta.

Se l’ondata migratoria continuerà ad un ritmo simile, anche i campi siciliani si riempiranno in breve tempo e il ministero dell’Interno italiano dovrà utilizzare altre regioni per accogliere gli immigrati. L’occupazione delle isole è vista con preoccupazione dalla gente del posto, e i gruppi politici di centrodestra stanno spingendo per trovare soluzioni dal primo ministro Mario Draghi.

Il viceministro dell’Interno Nicola Molteni ha invitato Draghi a porre rimedio alla situazione il prima possibile e a mettere a punto una strategia nazionale di difesa.

“La situazione è insostenibile”, ha scritto il presidente della Lega Matteo Salvini sulla sua pagina Facebook. Salvini ha scritto una lettera al premier Mario Draghi, al ministro della Salute Roberto Speranza e al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese per fermare gli immigrati prima che sia troppo tardi per farlo.

“L’afflusso di migranti al largo delle coste italiane potrebbe mettere a repentaglio la salute e la sicurezza degli italiani e vanificare i loro sforzi precedenti. Chi sostiene che non possiamo fare nulla sta diffondendo falsità”, ha detto Salvini, ricordando che gli sbarchi illegali sono stati ridotti dell’80 per cento durante il suo ministero e che il numero di persone uccise in mare è stato ridotto al minimo.

“Frenare l’immigrazione è una questione di determinazione politica”, ha detto l’ex ministro dell’Interno, che al momento è costretto a difendersi in tribunale per le sue decisioni di frenare l’ondata migratoria durante il suo mandato di ministro.

Immagine del titolo: Migranti africani sull’isola di Lampedusa (foto AP)

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento