Islam / Migranti

La procura Belga chiede una condanna ad un anno di prigione per il migrante che ha picchiato il suo bambino per strada

La procura Belga chiede una condanna ad un anno di prigione per il migrante che ha picchiato il suo bambino per strada

La procura ha chiesto una pena detentiva di un anno per un profugo che ha ripetutamente preso a pugni il figlio di 2 anni. Il bambino ha subito fratture e può avere problemi di crescita permanenti. L’avvocato del rifugiato chiede che si tenga conto delle circostanze attenuanti e che venga inflitta solo una pena sospesa. Fonte il portale di notizie belga Sceptr.

Il 19 agosto Abdul S. è andato a fare una passeggiata a Lovanio con sua cognata e suo figlio di 2 anni. Abdul S. era ubriaco e improvvisamente ha iniziato a colpire con pugni il bambino.
I passanti scioccati hanno immediatamente chiamato la polizia e hanno iniziato a filmare l’incidente. L’uomo è stato arrestato. il bambino ha riportato ferite alla bocca e alla fronte.

Da un’indagine della polizia è emerso che non era la prima volta che il bambino di 2 anni era stato picchiato. Secondo le autorità coinvolte, vi erano chiare indicazioni che il padre avesse picchiato il bambino più volte in passato. È anche sospettato di aver picchiato sua moglie, ma non è stato possibile raccogliere prove sufficienti per accusarlo. Così in tribunale, ha dovuto rispondere solo di abusi su minori e possesso di armi, poiché su di lui era stato trovato anche un coltello.

La procura ha chiesto una condanna a un anno di reclusione e una multa di 480 euro.

“In uno stato di ubriachezza, il migrante ha violato l’integrità fisica e morale di suo figlio, e in seguito, ha detto di non ricordarne nulla”, ha detto l’avvocato.

L’avvocato di Abdul S. ha chiesto di tenere conto delle circostanze attenuanti.

“Sono arrivati qui come rifugiati, non parlano la lingua nazionale e sono finiti in una stanza sporca della famiglia Appeltans a Burgemeesterstraat. Vivono insieme a tre adulti e quattro bambini. Nella casa non c’è nemmeno una porta d’ingresso”, ha detto. “Vi chiediamo di considerare le circostanze e di imporre una pena sospesa.”

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento