Politica / World News

La Repubblica Ceca stanzierà 5,3 milioni di euro per combattere l’immigrazione clandestina

La Repubblica Ceca stanzierà 5,3 milioni di euro per combattere l’immigrazione clandestina

La Repubblica ceca ha annunciato che stanzierà 5,3 milioni di euro (135 milioni di corone) per aiutare i paesi che sono in prima linea nella crisi migratoria in corso.

All’inizio di questa settimana, il piccolo paese dell’Europa centrale ha dichiarato che avrebbe stanziato 5,3 milioni di euro per aiutare i paesi da cui i migranti partono per arrivare in Europa per aiutare a fermare la migrazione illegale. Fonte: Radio Praga Rapporti internazionali.

L’obiettivo principale dell’aiuto finanziario è aiutare a risolvere i problemi associati alla migrazione illegale prima che i migranti raggiungano la zona Schengen.

La prima priorità del ministero dell’Interno è quella di inviare aiuti alla Macedonia del Nord, alla Serbia e alla Bosnia, che sono tutti paesi situati sulla famosa rotta migratoria dei Balcani. Secondo il ministero, il numero di migranti che hanno utilizzato questa rotta e la rotta del Mediterraneo orientale è aumentato del 53 percento l’anno scorso.

L’aiuto finanziario della Repubblica Ceca di quasi 2 milioni di euro (50 milioni di corone), in teoria, dovrebbe aiutare questi paesi ad ottenere attrezzature migliori e assumere più personale per combattere i migranti illegali e i trafficanti di esseri umani.

Altri 2 milioni di euro verranno inviati in Giordania e in Libia per contribuire a migliorare i campi profughi situati all’interno di questi paesi. In Giordania, gran parte del denaro verrà utilizzato per educare i rifugiati siriani. Il ministero dell’Interno sostiene che se le condizioni in questi paesi del Medio Oriente miglioreranno, i migranti saranno meno propensi a compiere il pericoloso viaggio verso l’Europa.

I restanti 1,4 milioni di euro verranno utilizzati per “situazioni straordinarie“. Per quanto riguarda la destinazione di questo denaro, questa è una decisione che verrà presa quest’anno.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento