Politica / World News

“La Turchia deve essere cacciata dalla NATO”

“La Turchia deve essere cacciata dalla NATO”

Una nuova indagine ha rivelato che ben oltre la metà della popolazione tedesca vorrebbe vedere la Turchia cacciata via dalla NATO a causa delle sue recenti incursioni militari nel nord-est della Siria.

Degli intervistati, il 58 per cento ha detto che vorrebbe la Turchia espulso dalla NATO, e vorrebbe imporre sanzioni economiche e divieti di esportazione contro il governo di Erdogan. Fonte: Deutsche Welle

Il sondaggio, condotto da YouGov, e commissionato dalla agenzia di stampa DPA, ha intervistato più di 2.000 tedeschi adulti tra il 25 e il 28 ottobre. Il sondaggio ha rivelato che il 58 per cento dei tedeschi vuole la Turchia estromesso dalla NATO (un’alleanza militare intergovernativa dei 29 paesi nordamericani ed europei originariamente progettato per contrastare l’espansione militare Sovietica in Europa).

Solo il 18 per cento degli intervistati è contrario all’allontanamento della Turchia dalla NATO.

Una percentuale ancora più alta vorrebbe che il governo prendesse una posizione più rigida contro la Turchia, con il 69 per cento che auspicano un divieto assoluto di esportazioni di armi e il 61 per cento che è pro le sanzioni economiche contro il governo di Erdogan.

Dopo l’offensiva militare della Turchia nel nord-est della Siria all’inizio di questo mese, il governo tedesco ha bloccato alcune delle sue esportazioni di armi. Tuttavia, non è stato ancora effettuato, il divieto assoluto di vendita di armi alla Turchia precedentemente promesso dalla Merkel.

D’altra parte, i politici nazionali del partito alternativo per la Germania (AFD) hanno richiesto un approccio meno tollerante con Erdogan, sollecitando sia Berlino che Bruxelles a bloccare tutti i fondi in uscita verso la Turchia.

La Germania non è l’unico membro della NATO a criticare aspramente l’aggressione militare della Turchia in Medio Oriente. Molti altri paesi all’interno dell’alleanza come gli Stati Uniti e vari Stati membri dell’UE hanno condannato le azioni di Erdogan.

La rimozione della Turchia dall’alleanza sarebbe un processo disordinato e prolungata che richiederebbe l’approvazione e la ratifica di ogni paese membro.

Non è un segreto che la Turchia si comporta come un ponte di terra strategico che collega l’Est a Ovest. Inoltre, la Turchia ha il secondo più grande esercito della NATO, secondo solo agli Stati Uniti, che la rende fondamentale alla capacità di difesa e militari dell’Alleanza.
Insieme, questi due fattori rendono la prospettiva di espellere la Turchia dall’alleanza scoraggiante.

A peggiorare le cose, il presidente turco Recep Erdogan ha minacciato di ‘ aprire le porte‘ e di provocare un ‘diluvio’ in Europa con il 3,5 milioni di ‘rifugiati‘ che attualmente vivono in Turchia se i governi europei non lo aiutano nella costruzione di una cosiddetta ‘zona di sicurezza‘ lungo il confine Turco con il nord-est della Siria.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento