Islam / Politica

La vita nera è importante? 8 altri bambini africani uccisi …

La vita nera è importante? 8 altri bambini africani uccisi …

Bambini tra i civili uccisi nell’attacco nel nord del Camerun
Una dozzina di persone provenienti da un villaggio nel nord del Camerun uccise in un attacco di Boko Haram.

Almeno una dozzina di civili, tra cui otto bambini, sono stati uccisi venerdì in un villaggio nel nord del Camerun quando una donna kamikaze si è fatta saltare in aria in un attacco armato di Boko Haram.

Mahamat Chetima Abba, il tradizionale capo del villaggio di Mozogo, ha detto all’agenzia di stampa AFP che gli aggressori sono arrivati nel cuore della notte brandendo machete.

Gli abitanti del villaggio in preda al panico hanno cercato di scappare nella foresta vicina quando, durante la fuga, l’attentatore suicida ha fatto esplodere il suo ordignio.

Il resoconto è stato confermato da un membro del comitato di difesa locale, che ha detto che il suo gruppo ha cercato di respingere l’attacco.

La regione dell’Estremo Nord del Camerun è alle prese con incursioni mortali dalla vicina Nigeria, dove una rivolta armata lanciata da Boko Haram nel 2009 ha ucciso decine di migliaia di persone.

Midjiyawa Bakari, governatore della regione dell’Estremo Nord, ha detto all’agenzia Anadolu che “12 agricoltori di Mozogo sono stati uccisi in un attacco di Boko Haram verso l’1 del mattino [00:00 GMT]”.

“I terroristi di Boko Haram hanno preso d’assalto il villaggio, sparando colpi in aria. Gli abitanti del villaggio sono fuggiti in un parco, dove i combattenti di Boko Haram hanno portato una ragazza legata con esplosivi”, ha detto. “Dodici abitanti del villaggio, il giovane kamikaze e un terrorista di Boko Haram sono stati uccisi nell’esplosione, mentre altre due persone sono rimaste gravemente ferite.”

Anche Abba, il capo del villaggio e un ufficiale di polizia regionale hanno accusato Boko Haram di aver effettuato l’attacco.

“Si sono infiltrati nella popolazione. Boko Haram sta infliggendo sempre più danni qui”, ha detto Abba. “Tuttavia, sembra che non abbiano più i mezzi per compiere attacchi di massa usando le pistole”, ha detto, notando che gli assalitori avevano portato machete.

Più di 36.000 persone sono state uccise – la maggior parte in Nigeria – e tre milioni di persone sono fuggite dalle loro case da quando Boko Haram ha lanciato la sua rivolta nel nord-est della Nigeria nel 2009.

Boko Haram e un gruppo di scissione chiamato Stato Islamico nella provincia dell’Africa occidentale (ISWAP) hanno intensificato gli attacchi negli ultimi anni in Nigeria e nei vicini Niger, Ciad e Camerun.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento