Politica / World News

L’AfD è l’unico partito nel Bundestag che non condanna Israele

L’AfD è l’unico partito nel Bundestag che non condanna Israele

Ieri il Bundestag tedesco ha votato una risoluzione sulla decisione di Israele di affermare la piena sovranità su una parte della Giudea e della Samaria, e. la Cisgiordania.
L’AfD(Alternativa fàr Deutschland, Alternativa per la Germania) è stato l’unico partito che non ha votato per condannare la decisione israeliana.

Nel seguente video il Dr. Anton Friesen parla al Bundestag per l’AfD.

Articolo di Politically Incorrect:

Dibattito sulla soluzione dei due Stati in Medio Oriente

AfD è l’unica partito a respingere la condanna di Israele al Bundestag

1° luglio 2020

Tutti i partiti, ad eccezione dell’AfD, hanno presentato alcune mozioni alla sessione del Bundestag questo pomeriggio per condannare Israele per la presunta “annessione” della Giudea e della Samaria, la casa del popolo ebraico. L’AfD sarà l’unica parte a respingere tutte queste proposte.

Il primo direttore parlamentare dell’AfD, Bernd Baumann, ha dichiarato nella conferenza stampa di questa mattina: “La posizione dell’AfD è che non diamo consigli a Israele. Data la nostra posizione storica di base, non daremo consigli a Israele”. L’AfD sarà quindi l’unico partito del Bundestag tedesco che non condanna Israele.

L’eurodeputato dell’AfD, Joachim Kuhs, ha già descritto su PI-NEWS perché la sovranità israeliana in Giudea e Samaria non è una ‘”occupazione illegale”. In un recente video di Bruxelles, Kuhs, membro del consiglio di amministrazione dell’AfD e presidente dei “cristiani nell’AfD”, ha dichiarato: “ARD e .DF vogliono che gli spettatori credano che le province israeliane della Giudea e della Samaria siano “territori occupati illegalmente”.
Lo scorso agosto ho potuto visitare la Giudea e la Samaria con una delegazione di “Ebrei nell’AfD” per formare la mia opinione”.

Di seguito sono riportati estratti da un articolo pubblicato da Arutz Sheva sul dibattito sulla Giudea e la Samaria nel Bundestag e sul background storico di esso:

L’UE deve riconoscere la sovranità israeliana in Giudea e Samaria

Israele vuole passare dall’amministrazione militare all’amministrazione civile in Giudea e Samaria. Si prevede che il Bundestag lo condanni. Non sono d’accordo.

“Israele si muove per annettere insediamenti illegali in Cisgiordania” urlano i media mainstream in Germania. L’inquadratura ci dice già qual è l’opinione “giusta” su questo atteso crimine. Altri punti di vista non si sentono in Europa. In qualità di membro del Parlamento europeo, dico che è giunto il momento di porre fine a questa visione unilaterale dei territori contesi, porre fine ai boicottaggi dell’UE nei confronti della Giudea e della Samaria e smettere di finanziare l’apparato terroristico palestinese con gli euro dei contribuenti.

Nei gruppi di riflessione dell’UE e nei media europei, è dato che gli “insediamenti ebraici” in Giudea e Samaria sono “illegali ai sensi del diritto internazionale”, una falsa affermazione basata sulla propaganda unilaterale, che ignora i fatti storici.

Nell’Impero Ottomano, non c’era né Israele né Palestina. La regione era chiamata Siria meridionale, ed era per lo più sterile e povera a causa della cattiva gestione ottomana e delle tasse di proprietà esorbitanti. Gli abitanti erano per lo più pastori nomadi. Nell’anno 1882, circa 141.000 musulmani vivevano sul territorio che divenne Israele, “di cui almeno il 25% erano nuovi arrivati”, come scrisse lo storico Ernst Frankenstein, e c’erano circa 60.000 ebrei.

Con l’inizio del Movimento Sionista nel 1871, gli ebrei cominciarono a trasferirsi nel territorio e ad acquistare legalmente terreni. I coloni portarono prosperità economica nella terra arida, che creò un “effetto pull”, attirando migliaia di arabi dai paesi vicini e gonfiando la popolazione araba a mezzo milione nel 1947. Così, la maggior parte della popolazione araba di Israele è fatta anche da “coloni” con nomi egiziani, siriani e iracheni, come Joan Peters documenta nel suo libro “From Time Immemorabile”.

Con la fine dell’Impero Ottomano dopo la prima guerra mondiale, la Gran Bretagna e la Francia divisero il Medio Oriente. Nella Dichiarazione di Balfour del 2 novembre 1917, il ministro degli Esteri britannico Lord Balfour dichiarò: “La visione del governo di Sua Maestà con favore l’istituzione in Palestina di una casa nazionale per il popolo ebraico”. Questa formulazione fu adottata dalla Conferenza di Sanremo il 18-26 aprile 1920, dove fu decisa la futura forma dell’ex Impero Ottomano. Questa formulazione è stata ratificata dalla Società delle Nazioni il 24 luglio 1922, creando il Mandato della Palestina come “casa nazionale per il popolo ebraico” sul territorio che si estende dal Mediterraneo all’Iraq, coprendo tutto il moderno Israele e Giordania.

Il delegato arabo ai colloqui di pace di Parigi 1920 fu l’emiro Feisal, che accolse con favore i piani per una “casa nazionale per il popolo ebraico”: “Noi arabi, specialmente quelli istruiti tra noi, guardiamo con profonda simpatia al movimento sionista… Auguriamo agli ebrei una cordiale casa di benvenuto”. Feisal è stato fatto re dell’Iraq e “ha accettato di abbandonare ogni pretesa … nella Palestina Occidentale” (Israele moderno), come T.E. Lawrence scrisse a Winston Churchill nel 1921.

Tale è il fondamento dello Stato di Israele nel diritto internazionale. Secondo l’articolo 80 della Carta delle Nazioni Unite, l’ONU è vincolata alle risoluzioni della Società delle Nazioni: “Nulla in questa Carta deve essere interpretato in sé per essere modificato in alcun modo … i termini degli strumenti internazionali esistenti a cui i membri delle Nazioni Unite possono rispettivamente essere partiti.”

Tuttavia, il 29 novembre 1947, le Nazioni Unite approvarono la risoluzione 181, il “Piano di partizione per la Palestina”. Gli ebrei, che erano tecnicamente autorizzati a una “casa nazionale” dal Mediterraneo al confine iracheno, tuttavia concordarono, sistemandosi per molto meno di quanto fossero dovuti dal “diritto internazionale”. Gli arabi della Palestina obbligatoria e gli Stati vicini rifiutarono la risoluzione 181, anche se oggi la citano come giustificazione per chiedere uno stato di Palestina “nei confini del 1947”.

La guerra contro gli ebrei iniziò il giorno dopo la ratifica della risoluzione 181…

Trascrizione video:

00:00 Dottor Anton Friesen.
00:07 Signor Presidente, signore e signori deputati, cari cittadini.
00:11 Beh, signor Ministro degli Esteri, ha trascurato di dire la cosa più importante.
00:14 Vale a dire che all’interno dell’Unione europea, fino ad ora
00:17 non c’è stato assolutamente alcun consenso su una politica nei confronti di Israele.
00:21 Non c’è nè nessuno. semplicemente. Dovremo vedere se la Germania riesce a stabilirne uno
00:26 nel quadro della Presidenza del Consiglio europeo.
00:29 Questa è esattamente la differenza tra Germania e Israele.
00:32 Lo Stato ebraico persegue una politica realistica orientata a livello nazionale. La Germania persegue un
00:38 fondamentalismo della virtù che chiama politica estera.
00:43 Ecco perché l’opinione pubblica e la classe politica in Germania è così anti-israeliana.
00:49 Gli opinion-maker e i politici tedeschi iniziano a sudare copiosamente
00:52 sulla fronte solo al pensiero
00:55 di una politica che rappresenta gli interessi nazionali.
00:59 Come osano? Come può Israele osare fare qualcosa
01:03 che è così ovviamente nell’interesse nazionale di Israele?
01:07 La cosiddetta Cisgiordania, o Giudea e Samaria,
01:12 è costituito da tre aree A, B e C secondo i trattati di Oslo.
01:17 Israele ha ora deciso, in un consenso non partigiano,
01:20 sia da Benjamin Netanyahu che da coloro che lo hanno sostenuto,
01:23 di applicare il diritto civile israeliano all’area C, che è stata amministrata
01:28 dall’amministrazione militare israeliana dopo la guerra dei sei giorni.
01:34 Inizialmente per i palestinesi che vivono in questa zona, questo porta buone notizie.
01:40 Essi sono fatti uguali secondo la legge israeliana e possono anche ottenere la cittadinanza israeliana.
01:46 Questo significa che possono considerarsi fortunati anche nel mondo arabo,
01:50 dal momento che sono alcuni dei pochi arabi che possono godere dei diritti umani e civili.
01:56 Ancora meglio, il piano Trump, così profondamente condannato dalla classe politica in Germania,
02:01 porta finalmente il movimento al conflitto in Medio Oriente dopo anni di stagnazione
02:07 e rafforza le prospettive di uno Stato palestinese senza mettere in pericolo l’esistenza di Israele.
02:13 Secondo il piano Trump, la città deve essere costruita
02:16 su circa il 70 per cento del territorio della Giudea e della Samaria.
02:20 Molti stati arabi non sono stati ad alta voce e pubblicamente contrari a questo piano, come sostenuto da alcuni,
02:27 ma sono stati molto comprensivi. Arabia Saudita, Egitto,
02:31 negli Emirati Arabi Uniti, e anche la Giordania.
02:34 Nessuno ha davvero preso una forte posizione pubblica contro di essa. Gli unici che hanno preso una posizione chiara
02:40 contro di essa sono la leadership palestinese. Ovviamente hanno paura
02:44 di perdere i ricchi profitti da parte dell’UE e della Germania.
02:48 Mi chiedo dove siano le proposte palestinesi per un piano di pace.
02:53 Naturalmente si può opporsi, si può bloccare
02:57 e respingere tutto, ma dove sono le proposte
03:00 dal mondo arabo? Dalla Palestina? Dai palestinesi stessi?
03:03 Ce n’è uno! Israele sta agendo e
03:06 questa finestra di opportunità che il piano di Trump offre.
03:10 Naturalmente potremmo stare da parte e gridare il male, il male, il male!
03:14 Questa sarebbe la politica mondiale a livello dell’asilo.
03:17 Oppure possiamo cercare di accompagnare questo processo con un buon giudizio
03:21 e allo stesso tempo dare nuovi approcci la possibilità di cui hanno bisogno.
03:26 Così come e volentieri nel contesto di un intero
03:29 Conferenza del Medio Oriente per la sicurezza e la cooperazione. Come abbiamo proposto.
03:32 Mille Grazie.
03:42 Così, ora per la fazione CDU/CSU, il collega J’rgen Hardt ha la parola.

Questo articolo è stato pubblicato in Europa, Storia, Israele, Azione legale, Medio Oriente, Nazionalismo, Notizie, Politica, Religione, USA dal barone Bodissey.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento