Islam / Migranti / Politica

L’antisemitismo aumenta nei gruppi di sinistra tedeschi e dalle comunità musulmane

L’antisemitismo aumenta nei gruppi di sinistra tedeschi e dalle comunità musulmane

Nel 2020, ci sono stati 2.275 crimini motivati dall’antisemitismo commessi in Germania, il numero più alto degli ultimi 20 anni. Secondo Bogdan Musiał, uno storico polacco che lavora in Germania, la radicalizzazione islamica e l’opposizione di sinistra a Israele spiegano questa ascesa. Ha detto che negli ambienti di sinistra, Israele viene attaccato per razzismo e per aver praticato una forma di apartheid contro i palestinesi.

Musiał nota che la sicurezza per le sinagoghe e le scuole ebraiche non è una novità in Germania, e questi luoghi sono stati vulnerabili agli attacchi per anni. Tuttavia, un certo numero di ebrei arrivati dalla Russia e aiutati dallo Stato tedesco sono diventati una fonte di invidia, portando all’ostilità di altri migranti. In molte comunità musulmane prevalgono le opinioni anti-israeliane e anti-ebraiche.

Questo tipo di antisemitismo, tuttavia, “non è assolutamente presente in parlamento o negli ambienti dominanti”, ha sottolineato lo storico polacco. Anche l’alternativa euroscettica per la Germania (AfD) si rifiuta di attaccare gli ebrei e sostiene attivamente Israele. In effetti, qualsiasi partito che tenti di adottare l’antisemitismo sarebbe con ogni probabilità reso illegale dal sistema giudiziario tedesco.

Israele nei circoli di sinistra viene attaccato per razzismo e per aver praticato una forma di apartheid contro i palestinesi, afferma lo storico polacco Bogdan Musiał.

Secondo l’accademico polacco, l’establishment tedesco è molto sensibile a qualsiasi antisemitismo politico a causa del passato del paese e della probabile reazione internazionale a qualsiasi segno di antisemitismo. La Germania si erge o cade sulla base delle sue esportazioni e non vuole cadere in contrasto con i boicottaggi che potrebbero derivare dalla tolleranza dell’antisemitismo.

Musiał ritiene che la situazione in Germania per gli ebrei non sia così acuta come in Francia, dove il numero di musulmani è più alto, così come il numero di attacchi contro gli ebrei. Egli ritiene inoltre che non sia inconcepibile che la Germania non reagisca contro l’aumento dell’immigrazione musulmana se scoprirà che sta portando all’antisemitismo e ad altri problemi sociali.

Ma conclude che le politiche migratorie dipenderanno dalla formazione della prossima coalizione tedesca al governo. Se i Verdi entreranno nella coalizione, premeranno per il proseguimento di una politica liberale in materia di immigrazione. Ma tra i Verdi ci sono anche alcuni politici desiderosi di bloccare l’immigrazione, ma vogliono farlo presentando un volto umano.

Musiał ha detto che la posizione della Polonia sui migranti spesso porta ad attacchi contro il paese, specialmente se in contrasto con l’apertura della Germania alla migrazione di massa.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento