Politica / World News

Le autorità greche ritengono che il regime di Erdogan pianifichi di spingere i migranti infettati da virus verso l’UE

Le autorità greche ritengono che il regime di Erdogan pianifichi di  spingere i migranti infettati da virus verso l’UE

Le forze armate elleniche, la guardia costiera e la polizia sono in allerta dopo che i funzionari governativi hanno ricevuto informazioni che il leader del regime turco Recep Tayyip Erdogan sta progettando un “mare Evros” mentre migliaia di migranti si riuniscono in città lungo le coste dell’Egeo in Turchia.

Secondo un rapporto del quotidiano greco Kathimerini che cita “fonti che non possono essere nominate ma che sono considerate affidabili”, il regime di Erdogan sta progettando di spingere i migranti infettati dal virus in Grecia e in altri Stati membri dell’UE.

Le stesse fonti dicono anche che migliaia di migranti, molti dei quali erano presenti alla crisi di confine del mese scorso a Kastanies e Pazarkule, sono stati trasferiti dai campi di migranti all’interno della Turchia alle regioni costiere del paese. Sembra inoltre che le autorità turche supervisionino il movimento dei migranti verso le coste.

Il fatto che la Guardia costiera ellenica abbia bloccato 21 navi piene di immigrati clandestini nelle ultime due settimane vicino alla zona di Lesbo e Agothonisi sostiene le informazioni date dalle fonti di Kathimerini. Inoltre, l’accumulo di migranti lungo la costa turca sembra confermare che Erdogan sta preparando una nuova invasine di migranti verso le isole dell’Egeo orientale.

Le autorità greche hanno raccolto informazioni che suggeriscono che varie ONG stiano aiutando i migranti in Turchia a raggiungere illegalmente la Grecia.

All’inizio di questo mese, la Turchia ha minacciato di rimandare i migranti al confine greco non appena sarà terminata la pandemia globale di COVID-19.

“Quando la pandemia del coronavirus sarà finita, non dissuaderemo gli immigrati che vogliono tornare al confine greco-turco a Pazar”, il ministro dell’Interno turco Soleyman Soylu.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento