Politica / World News

Le forze di sicurezza greche a guardia del loro confine con la Turchia hanno trovato una nuova arma nella loro lotta contro i migranti

Le forze di sicurezza greche a guardia del loro confine con la Turchia hanno trovato una nuova arma nella loro lotta contro i migranti

Il personale di sicurezza greco nella regione di Evros ha dovuto combattere quotidianamente i migranti da quando il presidente turco Recep Erdoğan ha annunciato che non avrebbe più impedito ai migranti di attraversare il territorio turco per entrare in Europa.

I migranti usano spesso armi contro di loro, anche bombe Molotov, come precedentemente riportato, nonché bombe fumogene e gas lacrimogeni.

In effetti, la Grecia ha accusato la polizia turca di aver sparato gas lacrimogeni contro le proprie forze nel tentativo di aiutare i migranti ad attraversare illegalmente il confine.

Nonostante questa violenza, la Grecia ha impedito a oltre 42.000 migranti di penetrare nella zona Schengen dell’Europa in questo ultimo capitolo della crisi migratoria.

I Greci hanno applicato la loro ingegnosità al problema, e ora stanno usando ventilatori giganteschi per respingere i gas lacrimogeni e il fumo sul lato turco del confine. Fonte: Greek City Times.

I fan sono montati su jeep e sono stati schierati ieri vicino al valico di Kastanies nella regione di Evros. Funzionari greci hanno affermato che i grandi fan vengono normalmente utilizzati nell’addestramento con il paracadute per le loro forze aeree.

 

Mentre i sostenitori dei migranti affermano che i migranti sono solo rifugiati siriani, le autorità greche hanno riferito che delle 252 persone arrestate per essere entrate illegalmente in Grecia nell’ultima settimana, il 64% erano afghani, il 5% erano turchi e solo il 4% siriani, mentre gli altri provenivano da Iraq, Iran, Marocco, Etiopia, Bangladesh ed Egitto.

Il ministro greco per la protezione dei cittadini, Michalis Chrisochoidis, ha ribadito che tutta l’Europa è in Grecia e ha contribuito a fermare l’invasione durante una sosta al confine con l’Evros. Molti paesi hanno prestato la propria assistenza o hanno già inviato la polizia in Grecia per rafforzare il confine, tra cui l’Austria e tutti i paesi del gruppo Visegrád (Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia e Slovacchia).

Le autorità greche usano un gigantesco fan per soffiare gas lacrimogeni sul lato turco del confine —via @e_amyna pic.twitter.com/m71OBCllR6

– Aris Roussinos (@arisroussinos) 12 marzo 2020

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento