Migranti / Politica / World News

Le ONG filo-Soros stanno ricattando l’Europa sull’immigrazione

Le ONG filo-Soros stanno ricattando l’Europa sull’immigrazione

L’Ungheria e Malta hanno deciso di formare una nuova alleanza basata sulla stessa valutazione dei problemi che l’UE deve affrontare e sul loro accordo sulla questione migratoria, ha detto il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjàrt in una conferenza stampa dopo una discussione con il suo omologo maltese a La Valletta tenutasi martedì.

Allo stesso tempo, Szijjàrt ha rimproverato le “ONG di tipo Soros”. Secondo lui, tali organizzazioni ricattano costantemente gli europei e formano pericolose alleanze con le reti di traffico di esseri umani. Egli ha sottolineato che è giunto il momento di porre fine a tali pratiche.

“Siamo d’accordo sul fatto che la migrazione dovrebbe essere fermata piuttosto che gestita, soprattutto alla luce della pandemia di coronavirus che ha causato nuovi pericoli anche a Malta”, ha detto Szijjàrt.

La migrazione una volta era percepita come un rischio in termini di sicurezza e scontri culturali, ma ora è anche un rischio “tremendo” per la salute,ha dichiarato. Nel luglio di quest’anno, Malta ha riferito che il 70 per cento dei migranti che sbarca sulle sue coste è risultato positivo al coronavirus.

Szijjàrt ha aggiunto che lui e il ministro degli Esteri maltese hanno convenuto che è essenziale cercare di contribuire allo sviluppo in Africa al fine di migliorare il tenore di vita. Se questo obiettivo può essere raggiunto, potrebbe servire come modo per convincere le persone in Africa a rimanere a casa.

“I paesi africani hanno bisogno dei loro giovani e l’Europa deve chiarire che l’ingresso in Europa può essere fatto solo legalmente”, ha detto il ministro.

Tra le altre cose, Szijjàrt ha menzionato il ruolo del finanziere miliardario George Soros, affermando che “è giunto il momento di parlare chiaramente del ruolo delle ONG di Soros nel Mediterraneo”.

Conferenza stampa dopo i colloqui tra il ministro degli Esteri ungherese e il suo omologo maltese.

Secondo Szijjàrt, queste organizzazioni stanno ricattando regolarmente gli europei e hanno creato alleanze con le reti di traffico di esseri umani. Ha insistito sul fatto che queste ONG commettono crimini assistendo i migranti perché “l’immigrazione illegale è di per sé un crimine”.

“È giunto il momento per l’Europa di porre fine al ricatto delle ONG”, ha affermato.

Péter Szijjàrt e il suo omologo maltese Evarist Bartolo

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento