Islam / World News

Legge sul sesso, la droga e la sharia?

Legge sul sesso, la droga e la sharia?

Published March 28, 2019 – By Shireen Qudosi su Clarionproject.org

Chi ha tutto: sesso, droga e legge della sharia? Il folle e ricco sultano del Brunei, Hassanal Bolkiah, che ha emanato nuove brutali leggi della sharia per il suo paese, che entreranno in vigore la settimana prossima. Le nuove leggi consentono di lapidare e flagellare a morte persone LGBTQ nel suo piccolo regno ricco di petrolio.

Dato che le nuove leggi conformi alla sharia entreranno in vigore il 3 aprile 2019, ecco alcune veloci considerazioni sul sultano del Brunei, che si stima valga 20 miliardi di dollari:

  • Nel 2011, Vanity Fair ha soprannominato il sultano di Brunei e suo fratello, il principe Jefri, “compagni costanti nell’edonismo“.
  • Le stravaganti feste del Brunei sono un segreto di pulcinella. Le showgirl di Las Vegas e le escort di fascia alta vengono spesso trasportate nel suo regno per “intrattenerlo“.
  • In una causa intentata dal principe Jefri in un tribunale degli Stati Uniti, scoppiò uno scandalo quando il principe tentò di impedire alla corte di vedere immagini di statue erotiche a grandezza naturale che lo mostravano “in flagrante“.
  • Mentre buona parte del mondo musulmano soffre di estrema povertà, il sultano del Brunei ha speso 27 milioni di dollari per il suo 50° compleanno.
  • I sontuosi party di estrema opulenza sembrano essere la norma nella famiglia del sultano.

Il Corano non proibisce espressamente di spendere, incoraggia la spesa sulla via di Dio e scoraggia gli sprechi.
Il profeta Maometto ha anche messo in guardia contro l’eccesso personale.
Nel frattempo, il Sultano del Brunei …

  • Fa shopping da milioni di dollari a Londra.
  • Ha un palazzo del valore di $ 350 milioni, oltre a case a livello globale.
    Ecco alcune sue ostentazione di eccesso:
    1) “Per giocare a polo con il principe Carlo d’inghilterra, il sultano si è fatto portare le sue scarpe da polo – in elicottero,.
    2)”I suoi tagli di capelli da soli costarono $ 21.000.

Infine, naturalmente, è contro il mondo islamico creare gli harem pop-up semplicemente perché ne hai voglia: come documentato da Vanity Fair nel 2011, “I fratelli viaggiavano abitualmente con entourage di 100 membri e svuotavano intere scorte di negozi come Armani e Versace, comprando 100 abiti dello stesso colore alla volta. Durante le loro feste, si sono concessi quasi tutto ciò che è vietato in un paese musulmano.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento