World News

Libertà in Iran : Dozzine di arresti per aver frequentato lezioni private di yoga

Libertà in Iran : Dozzine di arresti per aver frequentato lezioni private di yoga

30 persone che hanno preso parte a una sessione privata di yoga sono state incarcerate in Iran, scatenando la rabbia in tutta la comunità dei social media della nazione.
Gi arresti sono stati eseguiti nella città settentrionale di Gorgan, dove stavano prendendo parte alle lezioni in una classe mista. Il funzionario del dipartimento di giustizia locale, Massoud Soleimani, ha detto che l’istruttore, anche lui arrestato, non aveva la licenza e ha pubblicizzato l’evento su Instagram.

La Polizia ha affermato che i partecipanti indossavano “abiti inappropriati” e si sono “comportati in modo anomalo” e che le forze di sicurezza hanno monitorato la casa per un certo periodo prima di eseguire gli arresti..

Pur rivelando gli arresti, il sig. Soleimani ha anche criticato la “mancanza di sorveglianza delle attività sui social media nel paese.”

Un utente ha twittato: “Le autorità iraniane pensano persino che la parola yoga sia problematica in base alla sharia“.

Riferendosi al recente dispiegamento di navi da guerra statunitensi nella regione, un altro ha aggiunto: “Uno stato che trova persino lo yoga dannoso non ha bisogno della nave da guerra USS Abraham Lincoln per porre fine alla sua esistenza“.

Altri hanno twittato di aver rinunciato all’idea di iscriversi alle lezioni di yoga dopo gli arresti in Gorgan.

Qualcuno ha confermato in un tweet: “Credo che le autorità debbano dirci che cosa esattamente possiamo fare in questo paese“.

La disciplina asiatica dello yoga è diventata popolare in Iran negli ultimi anni

IIran news: Hassan Rouhani è il Presidente dell’Iran (Image: GETTY)

Ma gli sport misti sono banditi dalle autorità islamiche della nazione teocratica.

Mentre la pratica dello yoga non è ufficialmente bandita dall’insegnamento a livello professionale, The Independent riporta che gli intransigenti religiosi – noti come mullah – si lamentano della “influenza corruttrice” dell’attività spirituale.

Gli arresti di “yoga” seguono di appena un giorno i posts sui social media che parlano di tre siti web iraniani sequestrati dalle autorità del paese per aver messo in rete “contenuti criminali“.

Un avviso pubblicato su ciascuno degli account di giovedì diceva: “Con l’ordine dell’autorità giudiziaria, questo indirizzo web è stato sequestrato a causa della pubblicazione di contenuti criminali e le persone coinvolte nei reati indicati sono state perseguite“.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento