Opinioni / World News

L’imam che ha parlato al raduno di Sanders ha sollecitato la lotta armata contro Israele

L’imam che ha parlato al raduno di Sanders ha sollecitato la lotta armata contro Israele

In quel giorno annienterò tutte le nazioni che si scontrarono contro Yerushalayim. Zaccaria 12: 9 (The Israel Bible ™)

Uno sguardo più attento mostra che l’alleanza di Bernie Sanders con i sostenitori musulmani va in profondità e potrebbe nascondere molto più dell’odio ebreo.

Il senatore del Vermont Bernie Sanders è nato ebreo ma gran parte del suo sostegno alla campagna proviene da personalità virulentemente anti-israeliane, come Linda Sarsour che è una surrogata della campagna di origine palestinese. Sanders ha invitato l’imam Omar Suleiman a parlare a una manifestazione a Mesquite, in Texas, due settimane fa.

L’imam ha smesso di approvare Sanders ma è stato fotografato molte volte con il candidato che ha promesso di trasformare l’americano in un’utopia socialista. A prima vista, l’imam Suleiman, un musulmano di origine palestinese, sembra essere il modello di diversità e accettazione interreligiosa. È copresidente emerito di Faith Forward di Dallas in Thanks-Giving Square, una coalizione multi-religiosa di clero per la pace e la giustizia.

In effetti, Solimano è noto per le belle parole. Nel maggio 2019, quando iniziò il digiuno di un mese del Ramadan, Solimano pronunciò la preghiera di apertura nella Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, che fece “generosità, compassione, empatia e rinnovamento spirituale“.

Ma il suo lavoro interreligioso ha subito alcune serie cadute, mostrando molto meno “compassione ed empatia” per gli ebrei che vivono in Israele e molti leader ebrei si sono offesi per la sua convocazione al Congresso.

Assolutamente inaccettabile che @SpeakerPelosi abbia fatto ieri  tenere la preghiera di apertura alla Camera ad Omar Suleimani. Paragona Israele ai nazisti e li chiama terroristi, sostiene i Fratelli musulmani, incita alla violenza chiedendo un’antifada palestinese e la fine del sionismo, ecc. Cattiva chiamata pic.twitter.com/bZakjQVwsJ

– Lee Zeldin (@RepLeeZeldin) 10 maggio 2019

A volte la maschera dell’amore fraterno di Solimano scivola via. In un post di Facebook del 2014, ha definito “i sionisti nemici di Dio, i suoi messaggeri, sinceri seguaci di tutte le religioni e l’umanità nel suo insieme“.

In un altro post di Facebook del 2014, Solimano si è schierato con Hamas, rifiutando di riconoscere che il gruppo terroristico stava usando civili palestinesi come scudi umani mentre accusava l’IDF di un “massacro“.

In un altro post dello stesso anno, ha celebrato “l’inizio della terza intifada“, che ha definito “benedetta“. Ha indicato Israele come uno “stato di apartheid“.

Un anno dopo, ha alzato la sua retorica, equiparando “l’apartheid Israele” ai nazisti su Facebook, classificando il trattamento di Israele a Gaza come un “olocausto“. Per Suleiman, Israele è, ovviamente, un “regime terroristico“.

Sempre nel 2014, Suleiman ha anche fatto un commento sui social media alludendo all’idea antisemita che Israele controlla la politica estera americana, sostenendo che è il “51 ° stato“, riferendosi al trope antisemita che gli ebrei controllano i governi mondiali.

La sua preoccupazione per gli ebrei nel suo lavoro interreligioso si interrompe quando si tratta di storia ebraica. Dopo che il presidente Trump ha riconosciuto Gerusalemme come capitale di Israele, Solimano ha parlato a una manifestazione davanti alla Casa Bianca, dicendo: “Il tuo riconoscimento non significa nulla per noi“, ha detto. “Le tue mappe non significano nulla per noi, la tua ambasciata è illegittima come l’occupazione che cerca di legittimare. La nostra terra è la nostra terra, la nostra dignità è la nostra dignità. La nostra determinazione è la nostra determinazione. Il nostro boicottaggio è il nostro boicottaggio. La nostra Aqsa [la sacra moschea di Gerusalemme] è la nostra Aqsa. La nostra Palestina è la nostra Palestina. ”

Certo, può darsi che Sanders abbia invitato Solimano alla sua manifestazione a causa e non a dispetto del suo odio per Israele. Dieci giorni fa, Sanders ha scelto di non partecipare alla convention annuale dell’American Israel Public Affairs Committee (AIPAC) a causa dei gruppi di pressione pro-Israele “bigottismo“.

Il popolo israeliano ha il diritto di vivere in pace e sicurezza. Lo stesso vale per il popolo palestinese. Rimango preoccupato per la piattaforma fornita dall’AIPAC per i leader che esprimono fanatismo e si oppongono ai diritti palestinesi di base. Per questo motivo non parteciperò alla loro conferenza.

– Bernie Sanders (@BernieSanders) 23 febbraio 2020

AIPAC ha risposto, chiamando i commenti di Sandersoffensivi” e “vergognosi“.

Il senatore Sanders non ha mai partecipato alla nostra conferenza e questo è evidente dal suo commento scandaloso”, ha detto il gruppo. L’AIPAC ha affermato che gli altri membri del Congresso di Sanders sono tra quelli a cui offre una piattaforma e che “18.000 americani di diversa estrazione sociale” partecipano alla conferenza.

Impegnandosi in un attacco così odioso nei confronti dell’evento politico americano principale e bipartisan, il senatore Sanders sta insultando i suoi stessi colleghi e i milioni di americani che stanno con Israele. Veramente vergognoso “.

Suleiman ha espresso il suo sostegno a Black Lives Matter e nel luglio 2016 ha marciato con i manifestanti a Dallas contro le uccisioni di due neri. Cinque agenti di polizia sono stati colpiti e uccisi durante le proteste, l’incidente più mortale per le forze dell’ordine degli Stati Uniti dall’11 settembre. In quello che molti consideravano un insulto ai poliziotti assassinati, il presidente Obama ha invitato Solimano a dare l’invocazione al servizio commemorativo.

La strana alleanza tra i socialisti liberali di sinistra e l’Islam crea anche alcune dicotomie scomode. Sebbene la piattaforma democratica includa i diritti degli omosessuali e il matrimonio tra persone dello stesso sesso, Solimano ha paragonato gay e lesbiche a persone che si dedicano all’incesto e alla bestialità, pur notando che non dovrebbero essere perseguitati eccessivamente per il loro comportamento deviante.

Ma cosa succede se qualcuno nasce in quel modo, cosa succede se qualcuno è un omosessuale e non possono farne a meno?” una volta scrisse. ”Quindi diremmo che non tutti gli impulsi devono essere attuati. ok? Non consentiamo bestialità. Non consentiamo l’incesto.

Allo stesso modo, in molti dei suoi discorsi, ha insinuato che le donne promiscue dovrebbero essere uccise.

 

È possibile che anche Sanders approvi questi valori. Sanders ha partecipato a ISNACON 2019, la conferenza nazionale della Islamic Society of North America. L’ISNA era stata creata dai membri dei Fratelli Musulmani ed era stata nominata co-cospiratrice non accusata nel processo della Hamas Holy Land Foundation.

Come Solimano, l’ISNA ha sostenuto la pena di morte per gli omosessuali. Alla conferenza del 2019, Muzammil Siddiqi, ex presidente dell’ISNA che presiede il Consiglio Fiqh, che dispensa la legge islamica sulla sharia, ha affermato che i capi del movimento femminista erano tutte lesbiche e quindi soggetti alla pena di morte. Si presume che Sanders abbia seguito quella lezione.

Alla conferenza, Sanders ha parlato in un forum moderato da Salam Al-Marayati, il capo del MPAC, che aveva difeso Hamas ed Hezbollah e giustificato l’omicidio di massa di Marines in Libano da parte di Hezbollah.

Sanders ha iniziato il suo discorso dicendo che “crede nel concetto di solidarietà” ma è stato selvaggiamente applaudito quando ha chiesto la “fine dell’occupazione israeliana“.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento