Migranti / World News

L’intelligence italiana mette in guardia: 20.000 migranti in Libia pronti ad invadere l’Europa

L’intelligence italiana mette in guardia:  20.000 migranti in Libia pronti ad invadere l’Europa

Le Agenzie di Intelligence Europee.hanno avvertito che almeno 20.000 migranti illegali attualmente in Libia sono pronti a salpare per l’Europa nelle prossime settimane,

Il senatore Matteo Salvini, ex ministro dell’Interno e leader della Lega, è l’uomo che ha portato queste informazioni davanti al popolo, dicendo: “I nostri servizi segreti suonano l’allarme di invasione, con almeno 20 mila immigrati pronti a partire per l’Italia”.

Secondo un rapporto del quotidiano italiano Il Giornale, Salvini ha anche osservato che il terribile avvertimento dei servizi di intelligence arriva mentre i porti italiani sono stati riaperti ai taxi dei migranti delle ONG, e poche settimane dopo che il governo italiano di sinistra-establishment ha concesso l’amnistia a 600.000 migranti illegali.

Secondo Il Giornale, gli arrivi di migranti di quest’anno in Italia sono drasticamente in aumento rispetto all’anno scorso. Tra il 1° gennaio e il 5 giugno, un totale di 5.461 immigrati clandestini sono sbarcati sulle coste italiane, rispetto ai 1.878 dello stesso periodo dell’anno scorso. Si tratta di un aumento di quasi il 200 per cento in un solo anno.

Purtroppo, le agenzie di intelligence europee potrebbero sottovalutare in modo significativo il numero di migranti illegali pronti e in attesa di invadere l’Europa.

All’inizio di giugno, l’Ufficio delle Nazioni Unite per la droga e il crimine (UNODC) ha suggerito che circa 650.000 migranti in Libia sono in attesa di raggiungere l’Europa attraverso il Mar Mediterraneo.

Sabato, l’ONG tedesca per il trasporto di migranti Sea-Watch ha annunciato di aver lasciato il porto meridionale italiano di Messina per mettersi sulla rotta della zona di “ricerca” e “pesca” di migranti.

Attrualmente la nave “taxi” ONG si trova a nord della costa Libica.

“La #SeaWatch3 salpa! (sic!)
Dopo più di tre mesi nel porto di Messina, ci stiamo finalmente dirigendo verso la zona di “ricerca e soccorso” a nord della costa libica”, ha twittato la ONG.

Giorni fa tre migranti portati in Italia lo scorso anno da Sea-Watch sono stati recentemente condannati in un tribunale siciliano per crimini che comprendeva violenza sessuale, torture, tratta di esseri umani, omicidi e coinvolgimento con organizzazioni criminali.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento