Islam

L’Iran minaccia la terza guerra mondiale: “non è colpa nostra se dobbiamo costruire una bomba nucleare …”

L’Iran minaccia la terza guerra mondiale: “non è colpa nostra se dobbiamo costruire una bomba nucleare …”

Anche se gli Stati Uniti sono ora sotto una nuova amministrazione, permangono tensioni con l’Iran sulle armi nucleari, che potrebbero intensificarsi in una potenziale guerra mondiale 3 se non risolta. I timori di un conflitto aperto permangono, poiché l’Iran ha ora avvertito che produrrebbe testate nucleari se fosse costretta da altri paesi.

Parlando con la stampa iraniana, il ministro dell’Intelligence del paese Mahmoud Alavi ha dichiarato che non sarebbe colpa dell’Iranse se si vuole apportare modifiche al suo programma nucleare . Alavi ha spiegato che la produzione di armi nucleari è contro la loro fede islamica, tuttavia, se fossero sotto pressione, sarebbero costretti ad agire. Alavi ha ribadito che il programma nucleare del paese è pacifico e che la nazione islamica non ha intenzione di sviluppare il proprio arsenale nucleare.

“La leadership dell’Iran ha dichiarato esplicitamente che la produzione di armi nucleari è contro la sharia e la Repubblica Islamica la proibisce. Tuttavia, se un gatto viene messo in un angolo, potrebbe agire come non avrebbe agito mentre era libero”, ha detto Alavi.

Come Alavi ha sottolineato la natura pacifica del programma nucleare del paese, ha anche osservato che la situazione attuale non è normale a causa delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti. Alavi ha poi chiesto la revoca delle sanzioni contro l’Iran. Il portavoce del paese ha anche chiesto un risarcimento per le perdite subite durante il periodo delle sanzioni. Lunedì, il portavoce del ministero degli Esteri di Teheran Saeed Khatibzadeh ha detto che affinché l’Iran aderisca all’accordo sul nucleare, gli Stati Uniti devono fare la prima mossa per rientrare nell’accordo sul nucleare del 2015. Donald Trump ha ritirato gli Usa dall’accordo durante il suo mandato.

Le tensioni dell’Iran con Israele sullo stesso tema delle armi nucleari sembrano essere peggiorate negli ultimi giorni. Gli ispettori dell’ONU hanno trovato tracce di materiale radioattivo nei siti nucleari della nazione islamica, il che ha ora spinto il primo ministro del paese Benjamin Netanyahu a incontrare funzionari dell’esercito per discutere di un possibile attacco all’Iran.

I media israeliani hanno riferito che Netanyahu ha incontrato il ministro della Difesa Benny Gantz, il capo di stato maggiore Aviv Kochavi e altri funzionari dei ministeri della Difesa e delle Finanze per parlare dell’assegnazione di fondi per finanziare le potenziali operazioni contro l’Iran.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento