Islam

L’IS cerca di aizzare i musulmani, affermando che i paesi che stanno combattendo il coronavirus sono obiettivi facili

L’IS cerca di aizzare i musulmani, affermando che i paesi che stanno combattendo il coronavirus sono obiettivi facili

I gruppi di chat dello Stato Islamico sono in fermento con messaggi su come la pandemia di coronavirus abbia offerto l’opportunità di compiere attacchi terroristici.

Nuova Delhi: mentre il mondo è alle prese con la pandemia di coronavirus, i gruppi di chat dell’organizzazione islamica dello stato islamico sono in fermento con messaggi su come l’epidemia ha offerto l’opportunità di effettuare attacchi nei paesi che sono diventati “facili bersagli”.

I messaggi sollecitano anche i musulmani indiani ad “agire”. Fonte: ThePrint.

La missiva principale che viene distribuita sui gruppi di chat che IS gestisce su varie piattaforme di social media è un ritaglio di una nota pubblicata sulla rivista della rete terroristica chiamata Sawt al-Hind (Voice of Hind).

“Allah ha reso questa malattia una fonte di caos tra le nazioni infedeli, i loro militari e la polizia sono dispiegati nelle loro strade e nei loro vicoli, rendendoli così un bersaglio facile”, ha detto la nota pubblicata in una delle filiali della rete terroristica nel Provincia di Khorasan.

ThePrint ha reso pubblica la nota, ma non è stato possibile accertare la data della sua pubblicazione.

La nota inoltre ha aggiunto che questa opportunità dovrebbe essere utilizzata per effettuare attacchi terroristici. “Utilizzare questa opportunità per colpirli con una spada o un coltello o anche una corda è sufficiente per fermare il respiro, riempire le strade di sangue”.

Uno dei terroristi che sarebbero coinvolto nella pubblicazione della rivista è un cittadino del Kashmir di nome Jahanjeb Sami, arrestato dalla polizia di Delhi all’inizio di questo mese, insieme a sua moglie.
Entrambi sono collegati al modulo Khorasan di IS, che ha effettuato un attacco terroristico contro un gurdwara a Kabul mercoledì, uccidendo 25 persone.

Questa nota trasmessa attraverso gruppi di chat è una tattica per reclutare persone, ha affermato una fonte dell’intelligence indiana, che ha messo in evidenza la possibilità che lo Stato Islamico pianifichi un attacco.

“È sempre possibile che stiano pianificando qualcosa, considerando cosa è successo a Kabul, e questi segni non possono essere presi alla leggera.
Ma questa sembra più una tattica per reclutare più giovani “.

Un’altra nota di Sawt al-Hind in circolazione su questi gruppi di chat si rivolge ai musulmani indiani, chiedendo loro di agire.

“… Ciò che hanno sofferto i musulmani dell’India non è nascosto a nessuno. Quanti tra i musulmani sono stati brutalmente uccisi e quanti dei masjid sono stati demoliti. Ora è il momento di agire “,

La nota diceva anche che questa malattia è la punizione e “l’ira di Allah contro i miscredenti” e che le cose per loro devono peggiorare.

“Il tasso sempre crescente di COVID 19 a cui stiamo assistendo è un tormento per i miscredenti e ha portato la buona novella per i credenti …
O Muwahideen, preparati con tutto quello che hai e alzati.
Peggiora le cose per il Kuffar (infedele) ”

“Non devi dimenticare come i miscredenti hanno affrontato i tuoi fratelli e sorelle a Mosul, Baghuz, Kunar, seppellendoli vivi sotto i detriti”.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento