Islam / Migranti

L’IS sta pianificando la guerra santa islamica da una città tedesca

L’IS sta pianificando la guerra santa islamica da una città tedesca

Le indagini delle autorità tedesche dimostrano che lo Stato islamico ha distribuito le sue cellule terroristiche in tutta Europa. L’IS può circolare quasi liberamente nell’UE ed è impegnata nella formazione per i suoi attacchi pianificati. La tranquilla città di Osnabrück in Bassa Sassonia gioca un ruolo chiave nella guerra santa contro gli infedeli.

Gli uomini sono sorridenti nei loro gilet mimetici nella foresta. Posano per la telecamera con maschere e armi da fuoco fittizie. Sempre pronto per la battaglia. In una delle immagini, sequestrate da personale della sicurezza statale del Nord Reno-Westfalia, molti di loro mostrano l’emblema della milizia terroristica “Stato Islamico” (IS): il dito teso di Tauhid.

La Jihad (guerra santa) è addestrata nel gioco del paintball. “Sharia rules here” e “Allahu Akhbar” è stato urlato dai partecipanti all’inizio della formazione. Nella chat, un organizzatore ha gridato che i musulmani dovevano sempre allenarsi per ” uccidere il kuffar (infedeli)”.

I giochi di combattimento sono stati organizzati, tra gli altri, da ex sostenitori dell’associazione islamista “Kalifatstaat” con sede a Colonia. Ciò è dimostrato dai documenti disponibili per FOCUS Online.

Gli allenamenti di attacco sono stati effettuati da una sala di preghiera segreta nel distretto di Osnabrück di Schinkel alla fine del 2018/inizio del 2019. In primo luogo, si sono riuniti simpatizzanti o discendenti della prima generazione dell’associazione islamica con sede a Colonia, bandita 20 anni fa. Secondo la Procura federale, gli incontri di paintball sono serviti a preparare attentati o attentati suicidi “nell’ambito delle loro comuni convinzioni ideologiche”, insomma anche la “disponibilità al martirio”.

I simpatizzanti locali del califfo di Colonia Metin Kaplan, deportato nella sua patria turca 16 anni fa come nemico dello Stato, continuano a riempire molti fascicoli di indagine. Ad esempio, gli investigatori del terrore hanno ottenuto registrazioni di incontri con gli operatori della piattaforma online “Per conto dell’Islam”, che si dice sia vicina all’associazione Kaplan.

Soprattutto, però, gli investigatori sono preoccupati che i militanti di Osnabrück Kaplan sostengano sempre più l’IS. Ad esempio, il gruppo di estremisti della Bassa Sassonia ha mantenuto strette relazioni con un sospetto gruppo terroristico tagiko dell’IS della Renania settentrionale-Vestfalia, che è stato rilevato dalla commissione investigativa di Takim. Insieme praticavano combattimenti alle riunioni di paintball. I cinque membri della cellula takim dovranno presto rispondere al Tribunale regionale superiore di Düsseldorf. Le accuse vanno dall’appartenenza all’IS ai tentativi falliti di omicidio di piani per attaccare le basi usa a Geilenkirchen e Spangdahlem.

L’addestramento bellico dei fratelli Takim insieme ai sostenitori dello Stato del Califfato dimostra quanto sia strettamente collegata la violenta rete islamista nell’Europa occidentale. Diverse comunità di migranti musulmani provenienti dagli ex stati della CSI nel Caucaso e dai Balcani hanno formato gruppi altamente efficaci in Francia, Belgio, Svizzera, Austria, Svezia e Germania in nome dell’IS. Da anni il servizio antiterrorismo tedesco avverte che l’IS, dopo la sconfitta in Siria e Iraq, chiede sempre più la jihad in Germania e nei paesi vicini attraverso i social network.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento