Italia / Politica / World News

L’Italia definisce la posizione dell’Egitto sull’uccisione dello studente italiano un “pugno in faccia”

L’Italia definisce la posizione dell’Egitto sull’uccisione dello studente italiano un “pugno in faccia”

ROMA (AP) – Il presidente della camera bassa del Parlamento italiano ha criticato la posizione dell’Egitto sullindagine per consegnare alla giustizia i torturatori e gli assassini di uno studente di dottorato italiano scomparso al Cairo .

Venerdì, il Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico ha dichiarato alla televisione di Stato italiana che la mancanza di una cooperazione soddisfacente da parte dei procuratori egiziani nel risolvere l’uccisione avvenuta nel 2016 di Giulio Regeni equivaleva a un “pugno in faccia” all’Italia.

Fico, uno dei membri del partito al governo di coalizione italiano, il Movimento 5 Stelle, ha espresso frustrazione per il fatto che le discussioni che i pubblici ministeri italiani hanno avuto con i loro omologhi egiziani questa settimana non sono riusciti a èrpdurre progressi.

Dalla fine del 2018, i pubblici ministeri italiani hanno chiesto all’Egitto di consegnare cinque funzionari dell’intelligence e del servizio di polizia o di aiutare almeno l’Italia a perseguirli in contumacia.

Alcuni legislatori italiani hanno sostenuto che gli unici progressi nel caso sono arrivati dopo che l’Italia ha temporaneamente ritirato il suo ambasciatore in Egitto.
I genitori di Regeni stanno spingendo il premier Giuseppe Conte a ritirare nuovamente l’inviato italiano al Cairo per protestare contro quella che viene percepita come la resistenza egiziana a smascherare la verità e a fare giustizia.

Ma il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio ha insistito che l’ambasciatore deve rimanere in modo che la verità emerga.

“Il caso Giulio Regeni è una ferita aperta per l’intero paese”, ha detto Di Maio ai giornalisti venerdì. “In queste stesse ore, il Ministero degli Affari Esteri ha chiesto all’ambasciatore egiziano ulteriori informazioni, e anche la procura egiziana ha dichiarato che agiranno con estrema trasparenza.”

Di Maio ha aggiunto che spera che “le parole saranno seguite dai fatti”.

La tensione sul caso arriva in un momento delicato per la coalizione sempre più litigiosa di Conte. Molti legislatori, tra cui quello del Partito Democratico, il partner della coalizione, si sono opposti all’intenzione di vendere due fregate italiane all’Egitto. L’approvazione finale da parte del governo della vendita è in sospeso.

La madre di Regeni ha detto che suo figlio è stato così malmenato e torturato che ha riconosciuto solo la punta del naso quando ha visto il suo corpo.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento