Politica / World News

L’ONG pro-turca minaccia la Grecia e diffonde notizie false

L’ONG pro-turca minaccia la Grecia e diffonde notizie false

Una ONG pro-migrazione ha recentemente annunciato che i suoi membri sono alla ricerca di immigrati che sono entrati illegalmente in Grecia e sono tornati in Turchia in modo che possano aiutarli a citare in giudizio il governo greco.

L’ONG in questione, il Consolidated Rescue Group, è un gruppo migratorio filo-turco che diffonde notizie false sui metodi utilizzati dal governo greco per difendere i propri confini. Il gruppo, che pubblica principalmente in arabo, ha circa 35.000 follower sulla sua paginaFacebook.

Recentemente, l’ONG ha intensificato gli sforzi per danneggiare la Grecia, minacciando che porterà il governo greco in tribunale per il trattamento dei migranti che si sono illegalmente recati in Grecia dalla Turchia.

In un recente post sulla sua pagina Facebook, l’ONG ha scritto: “La Grecia ha segretamente rimpatriato gli immigrati che sono arrivati nelle isole greche e che sono scomparsi senza lasciare traccia. Il Consolidated Rescue Group sta cercando di raccogliere informazioni più accurate su questa controversia contraria al diritto internazionale. Se sei uno di loro puoi contattarci sulla mail della nostra pagina.”

In un altro post, l’ONG dice che i suoi avvocati stanno lavorando al fianco dei giornalisti per smascherare e punire il governo greco per i suoi “misfatti”.

“Abbiamo bisogno di persone che siano tornate in Turchia dopo il loro arrivo in Grecia. Un sacco di giornalisti che lavorano con gli avvocati sono su questo caso. Siamo qui per aiutarti a rilevare e fermare questa violazione illegale attraverso canali legali. Grazie.”

Non è solo sul governo greco che il Gruppo di salvataggio consolidato sta diffondendo disinformazione. In un altro post, l’ONG diffonde notizie false dicendo che le guardie di frontiera croate stanno umiliando gli immigrati spruzzando il segno della croce sulle loro teste. Mentre il gruppo diffama le autorità dei paesi occidentali, elogia l’ “umanitarismo” e la “benevolenza” del regime turco verso i migranti.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento