Islam

L’ostilità verso gli ebrei è parte dell’Islam, è proibito normalizzare le relazioni e formare alleanze con loro

L’ostilità verso gli ebrei è parte dell’Islam, è proibito normalizzare le relazioni e formare alleanze con loro

Il predicatore sudanese Abdallah Hassan Jiballah ha detto in un sermone, caricato su Internet il 1° marzo 2020, che gli ebrei sono miscredenti che hanno versato il sangue dei profeti di Allah, e che l’odio e l’ostilità verso gli ebrei è una parte intrinseca dell’Islam. Ha detto che normalizzare le relazioni e formare alleanze con gli ebrei è proibito dalla legge sharia.

 

“L’odio e l’ostilità verso [gli ebrei] sono parte della nostra fede”

Abdallah Hassan Jiballah: “Gli ebrei sono le cacciatrici dei profeti. Sono spargitori di sangue che non credono nei profeti, e Allah ha dettagliato molte altre delle loro caratteristiche. Pertanto, l’odio e l’ostilità verso di loro fanno parte della nostra fede”.

[…]

“Normalizzare [relazioni] con [gli ebrei] è Haram; È proibito”

“Fratelli, normalizzare [le relazioni] con [gli ebrei] è haram. È proibito. Non può essere paragonato al Trattato di Hudaybiyyah. Perché? Perché quel trattato è stato condotto per l’interesse preponderante dei musulmani e per un periodo limitato di dieci anni, che il profeta Maometto non ha esteso. E ‘stato solo per un periodo di dieci anni, e per l’interesse preponderante dei musulmani.

“Se c’è qualcosa [in un trattato] che nega la fede di un musulmano, oppure normalizza ancora le relazioni con loro – questo è haram. Tale normalizzazione è vietata dalla legge shari’a. Pertanto, fratelli miei, Allah ha proibito essere alleati [con gli ebrei] e sostenerli”.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento