Politica / World News

L’UE sborserà altri 500 milioni di euro al regime turco per fermare i migranti

L’UE sborserà altri 500 milioni di euro al regime turco per fermare i migranti

La Commissione europea si sta attualmente preparando a consegnare altri 500 milioni di euro in aiuti ad Ankara per aiutare i cosiddetti “rifugiati siriani” per alleviare le crescenti tensioni con il regime turco sempre più belligerante e senza fronzoli.

Mentre sempre più notizie vengono pubblicate, è diventato sempre più chiaro che pochissimi dei migranti che stanno tentando di attraversare la Grecia dalla Turchia sono in realtà siriani.

Meno di due settimane fa, la CNN Greca ha riferito di 252 persone che sono state arrestate nel tentativo di attraversare illegalmente la Grecia dalla Turchia. Di quelli che sono stati arrestati, il 64 percento era afgano, il 19 percento era pakistano, il 5 percento era turco, il 4 percento era siriano, il 2,6 percento era somalo e i rimanenti provenivani dall’Iraq, Iran, Marocco, Etiopia, Bangladesh ed Egitto.

Nonostante i dati, giovedì AFP ha appreso che la Commissione europea ha preparato un nuovo pacchetto di aiuti di 500 milioni di euro per i “rifugiati siriani” in Turchia. Fonte: RTBF.

Apparentemente, i 500 milioni di eurocompleteranno” i 6 miliardi che già pianificati da essere erogati al regime turco ai sensi dell’accordo UE-Turchia del 2016. Il denaro verrà utilizzato per finanziare i programmi attuati delle ONG per aiutare i 3,6 milioni di migranti attualmente ospitati in Turchia.

Mercoledì, dopo il suo viaggio ad Ankara, il ministro degli Esteri europeo Josep Borrell ha annunciato un ulteriore finanziamento di 170 milioni di euro in aiuti di emergenza “per i più vulnerabili in Siria“.

Questo finanziamento di emergenza esula dai 500 milioni di euro che verranno consegnati al regime turco per aiutare i migranti in Turchia. Finora, dei 6 miliardi di euro concordati nell’accordo UE-Turchia, 4,7 miliardi sono stati impegnati, con 3,2 miliardi già erogati, secondo la Commissione europea.

Condividi questo Articolo

Lascia un Commento